Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Oratorio della Morte

Oratorio della Morte

Al 1573 risale la fondazione della chiesa di S. Gregorio Magno. La confraternita della Morte, aggregata all’omonima confraternita di Roma, come risulta nel 1571, si occupava della sepoltura dei morti e di altre opere pie ed aveva sede inizialmente nell’oratorio di S. Antonio. Prima del 1623, per iniziativa di don Giovanni Jacoberi, la confraternita fece costruire un nuovo oratorio attiguo alla suddetta chiesa di S. Gregorio Magno, cui concorsero numerose famiglie della città, mentre il primitivo oratorio di S. Antonio nel 1630 divenne la sede della Società dei Mulattieri. Nonostante l’edificazione risalga all’ultimo quarto del XVI secolo non è arrivato fino a noi alcun segnale-spia sull’originario progetto, concepito in epoca rinascimentale, restano in facciata solo resti di una decorazione proprio nella zona del sottotetto, raffigurante il timpano di un tempio classico; a questo proposito non ci sono fino ad ora pervenute informazioni utili per una probabile datazione. La cantoria risale al XVIII secolo. I battenti in legno intagliato della porta che dà accesso all'oratorio, con stemma dei Diamanti, sono del secolo XVII. Sulla parete alta delle pareti dell'oratorio venticinque riquadri con busti di santi che recano scritti in basso i nomi e le armi gentilizie dei confratelli. La decorazione è databile al 1604. Sulla volta dell'oratorio una grandiosa composizione (1628 ca.) raffigura Sibille e Profeti ai margini e al centro l'Eterno circondato da angeli.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Biglietti

Gratuito

Servizi

Condividi

Via Giulia

06038 Spello - Perugia

Oratorio della Morte
135 hits
Aggiornamento Pagina: 23/04/2022
Attenzione! usare questo form esclusivamente per le recensioni della struttura. I messaggi non inerenti saranno cestinati.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.