A causa dell'emergenza sanitaria in corso, i musei e Parchi Archeologici rimarranno chiusi al pubblico dal 6 novembre 2020 al 3 dicembre 2020.

Cittadella di Ancona

ANCONA / Fortezze

La Cittadella di Ancona è una grande opera militare rinascimentale; storicamente e popolarmente è detta anche Fortezza. Sorge sulla cima del colle Astagno, in posizione panoramica, affacciata sulla città e sul porto.

Venne eretta a partire dal 1532 dal grande architetto Antonio da Sangallo il Giovane, forse con l'ausilio del suo collaboratore Antonio Labacco. Lo stesso Sangallo il Giovane è autore anche delle coeve Rocca Paolina di Perugia e Fortezza da Basso di Firenze. Queste tre fortificazioni furono alla base dell'affermazione della politica di papa Clemente VII nell'Italia centrale. Il papa cercava infatti di reagire al sacco di Roma che aveva indebolito il suo prestigio e il suo potere economico.

Le tre fortificazioni citate hanno una notevole importanza nella storia dell'architettura militare, in quanto furono fra i primi esperimenti di fronte bastionato all'italiana, ovvero di mura in grado di resistere alle armi da fuoco; infatti queste opere di Antonio da Sangallo il Giovane servirono da esempio per le fortificazioni in tutta Italia ed Europa. Sangallo progettò anche le nuove mura e il Bastione che porta il suo nome nella vicina Loreto, a protezione della Basilica della Santa Casa.

La Cittadella fu dunque costruita a spese dello Stato della Chiesa e fu accettata dal libero comune di Ancona, che sperava, con la sua presenza, di sventare gli attacchi delle navi corsare turche. La nuova fortificazione fu invece una specie di cavallo di Troia, che portò alla fine della Repubblica marinara di Ancona e alla sua caduta nelle mani di Clemente VII.

La fortezza ha cinque bastioni chiamati della "Guardia", della "Punta", della "Campana", "Gregoriano" e del "Giardino"; ha il suo punto di massima altezza nella Torraccia, il mastio centrale, e nel suo sottosuolo si dipana una rete di sotterranei.

Dal punto di vista militare la Fortezza giocò un ruolo importante nel corso di vari assedi e specialmente durante quello sostenuto nel 1799 dai francesi che occupavano Ancona, e contro le forze austro-russo-turche, durante quello del 1849 (patrioti risorgimentali contro gli austriaci) e durante l'assedio del 1860 contro le truppe piemontesi.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Accessibili in orari da ufficio: il bastione della Guardia, il portone d'ingresso, l'argano in legno per sollevare il ponte levatoio, androne verso il piazzale, magazzino per artiglieria con cannoniera, piazzale con piazzole per artiglieria, edificio del corpo di guardia.

Biglietti

Condividi

Via Cittadella, 2

60122 Ancona

Tel: +39 071 2076431

1466 hits

Aggiornamento pagina: 18/07/2020

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Musei Italiani 2020