Skip to main content

Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Chiesa di Santa Grata in Columnellis

Chiesa di Santa Grata in Columnellis

La chiesa di Santa Grata in Columnellis, comunemente chiamata chiesa di Santa Grata in Via Arena per distinguerla da quella detta inter Vites di via Borgo Canale, si trova nella parte alta della città di Bergamo, e fa parte del monastero benedettino claustrale omonimo, il più antico della città. L'antico nome Columnellis riporta alle colonne del porticato esterno presente nella chiesa primaria antecedente i restauri del XVI secolo.

Sulla parete esterna alla chiesa, quella che si affaccia in via Arena, si sono resi visibili sei archi a sesto acuto con due capitelli corinzi murati e alcune parti di affresco a testimonianza di un antico porticato, murato nel 1580 per poter ampliare la chiesa su progetto di Pietro Rognolo del 1591. Sui pennacchi degli archi vi sono dipinti dei medaglioni raffiguranti l'effigie di Sant'Alessandro con la spada. Mentre la parte superiore è una ricca decorazione di toni del rosso e del blu costituita da girali e animaletti. Vi sono alternati tritoni che sorreggono medaglioni raffiguranti Santa Grata che tiene la testa di Sant'Alessandro appena decapitato, Santa Agata con la spada e i seni simboli del suo martirio. Sulla coda del tritone è raffigurata l'effigie di un putto e colombe.

L'interno della chiesa è preceduto da un vestibolo in stile rococò con una piccola cupola ellittica decorata da stucchi dorati a lacumari che si conclude con una balaustra aperta su di un cielo sereno con piccole nuvolette bianche, opera della bottega del Camuzio.

La chiesa si presenta a un'unica navata, con tre cappelle su entrambi i lati con una decorazione a stucco dorato che ricopre ogni parte della navata, della volta e del presbiterio realizzati da Giovanni Angelo Sala; nella terza posta sul lato di destra, sono conservati i resti della santa. Sul presbiterio, interamente dedicato alla santa, si trova la pala del Salmeggia del 1623 Madonna col Bambino in gloria e i santi Lupo, Esteria, Grata, Caterina d'Alessandria, Scolastica, Benedetto e Lorenzo, donata dall'artista come dote ai voti monacali della figlia posta nell'ancona realizzata da Andrea Manni nel 1725; la volta ospita sei affreschi del 1623 di Pietro Baschenis, mentre gli stucchi sono lavori di Gerolamo e Giovanni Battista Porta.

Nelle tre campate della volta vi sono gli affreschi dei fratelli Recchi raffiguranti la storia del monastero, addobbate dagli stucchi di Giovanni Angelo Sala, così come in tutta la chiesa, che riprendono quelli della basilica di Santa Maria Maggiore. Sul cornicione della volta vi sono raffigurati i personaggi dell'Antico Testamento in atteggiamento ieratico, con cartigli tratti dalla Vulgata posti ad indicare riflessioni sulla vita monacale, e i dodici apostoli ognuno raffigurato con gli attributi che li rendano riconoscibili, in posizione di guardare in basso la sala con movimento di braccia e vesti, che rendono animazione all'intero apparato della volta.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Biglietti

Gratuito

Servizi

Condividi

Via Arena, 18
24129 Bergamo
215
Aggiornamento Pagina: 24/02/2024