Jacopo del Casentino

Jacopo del Casentino


Jacopo del Casentino, detto anche Jacopo da Pratovecchio (Pratovecchio, 1297 circa – 1349 circa), è stato un pittore e miniatore italiano, attivo in Toscana, principalmente a Firenze, tra il 1339 e la metà del secolo.

Il Vasari dedicò a Jacopo un capitolo delle sue Vite. In base a queste notizie si dedurrebbe una tale biografia: Jacopo, figlio di Cristofaro Landino originario di Pratovecchio, sarebbe stato affidato dal padre al pittore Taddeo Gaddi che lo portò a Firenze. Qui Jacopo realizzò i suoi primi dipinti (alcuni tabernacoli ad affresco) per poi ricevere l'importante commessa di affrescare le volte della chiesa di Orsanmichele con le figure di Profeti e Patriarchi (opere perdute). Sarebbe quindi tornato nel Casentino dove avrebbe lasciato dei dipinti a Poppi; avrebbe poi lavorato ad Arezzo, in particolare nel Duomo vecchio, nella chiesa di San Bartolomeo (un Cristo Morto con la Vergine e San Giovanni Evangelista nella cappella di Santa Maria della Neve), in San Domenico (affreschi della cappella di San Cristofano), in Sant'Agostino (pala d'altare e affreschi con Storie di san Lorenzo nella cappella Nardi), nella Pieve (Storie di san Matteo); infine sovrintese anche alla ricostruzione degli impianti idrici della Fonte Guinizzelli (1354). Alla sua bottega si sarebbero formati Agnolo Gaddi e Spinello Aretino. Sarebbe poi stato ancora a Firenze per realizzare altre opere e sarebbe morto, avanti negli anni, a Pratovecchio.

Il limite della attendibilità delle notizie del Vasari sta innanzitutto nelle incertezze del biografo: nella prima edizione delle Vite lo fa morire 65 anni nel 1358, nella seconda a 80 anni senza specificare l'anno; nella seconda edizione omette l'epitaffio nel quale Jacopo è dichiarato allievo di un tal Gaddus, che non può essere Taddeo Gaddi. Questo ha fatto pensare ad una celebrazione in chiave "aretina" di un artista, ricordato dai documenti per aver fondato la Compagnia di San Luca, ma con pochi dati biografici certi. A questo si aggiunga che il pittore Jacobus de Casentino che firma il trittico Cagnola agli Uffizi (unica opera da lui firmata) è un artista prettamente fiorentino, un giottesco della prima generazione e non corrisponde affatto alla biografia vasariana, dalla quale si evince invece che tale pittore avrebbe operato, essenzialmente ad Arezzo, ben oltre la metà del secolo; e a nulla è valso il tentativo di distinguere dal vasariano "Jacopo di Casentino" un più giovane "Jacopo di Landino", fiorentino, mancando i riferimenti documentari che confermino la biografia vasariana. Ben si colloca invece ad un'età matura il suo status di consigliere e di cofondatore nel 1339 della Compagnia di San Luca, la corporazione alla quale da allora si associarono i pittori.

Opere in Italia