A causa dell'emergenza sanitaria in corso, i musei e Parchi Archeologici rimarranno chiusi al pubblico dal 6 novembre 2020 al 3 dicembre 2020.

Villa Tiepolo Passi

Carbonera / Ville Venete

Villa Tiepolo Passi fu fatta edificare da Almorò Tiepolo, procuratore di San Marco e senatore della Repubblica di Venezia, nei primi anni del Seicento. Sorse come le altre ville venete come punto di riferimento economico per le attività agricole del territorio circostante. È un bene vincolato dalla soprintendenza ai Beni Culturali ed è aperta ai visitatori.

La villa è costruita su un terrapieno, elevato di circa 3 m sul piano campagna. È costruita in stile barocco veneziano. Sulla facciata è presente una trifora centrale a poggiolo con altri due poggioli per lato e sei poggioli all'ultimo piano. Sul tetto, un timpano con arco. All'interno soffitti alla santonina, teste in chiave d'arco, stucchi del '700, canneti archi e colonnine. Nel salone da ballo al piano nobile, affreschi del XVII secolo con finte architetture e allegorie mitologiche.

Il giardino di Villa Tiepolo Passi è suddiviso in tre parti. Di fronte alla Villa si trova il giardino all'italiana con siepi di bosso di forma geometrica, al centro una fontana di pietra e sul fondo la peschiera. Ai due lati si trova invece il parco romantico all'inglese, con oltre 40 specie di piante secolari.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

dal 1° Feb. al 30 Nov.
Dom.
11.00

Altri giorni, min. 4 persone, in base a disponibilità e con orario da concordare.

Biglietti

Intero: € 12,00
Gruppi: € 10,00

Condividi

Via Brigata Marche, 24

31030 Carbonera - Treviso

Tel: +39 0422 397790

Fax: +39 0422 690099

Sito ufficiale

1738 hits

Aggiornamento pagina: 22/07/2020

Attenzione! non usare questo form per contattare il museo.

Commenti (1)

  • alessia

    alessia

    • 05 Luglio 2018 at 13:46
    • #

    Bellissima villa! stupefacente!

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Musei Italiani 2020