Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Villa Adriana

Villa Adriana

Villa Adriana fu una residenza reale extraurbana a partire dal II secolo. Voluta dall'imperatore Adriano (76-138), si trova presso Tivoli (l'antica Tibur), oggi in provincia di Roma. Realizzata gradualmente nella prima metà del II secolo a pochi chilometri dall'antica Tibur, la struttura appare un ricco complesso di edifici estendentesi su una vasta area, che doveva coprire circa 120 ettari, in una zona ricca di fonti d'acqua a 17 miglia romane dall'Urbs. Nel 1999 Villa Adriana è stata dichiarata Patrimonio dell'umanità dall'Unesco.

Tra le molte ville rustiche che fin dall'età repubblicana erano sorte fra Roma e Tivoli, ne esisteva già una costruita nel periodo sillano, ingrandita all'epoca di Giulio Cesare, pervenuta forse in proprietà della moglie di Adriano, Vibia Sabina, che proveniva da una famiglia di antica nobiltà italica. Fu questo il primo nucleo della villa, incorporato poi nel Palazzo imperiale.

Attualmente l’area visitabile è di ca. 40 ettari.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Periodo Invernale
9.00-17.00

Periodo Estivo
9.00-19.00

Biglietti

Intero: € 10,00
Ridotto: € 2,00

Gratuito 1° Dom. del mese

Servizi

  • Visite Guidate

Condividi

Largo M. Yourcenar, 1

00019 Tivoli - Roma

Tel: +39 0774 382733

Villa Adriana
22157 hits

Antiquarium del Canopo

Aggiornamento Pagina: 19/04/2022
Attenzione! usare questo form esclusivamente per le recensioni della struttura. I messaggi non inerenti saranno cestinati.

Commenti (3)

  • Monique

    Monique

    • 19 Aprile 2022 at 15:08
    • #

    Concordo in pieno con il commento del signore Beppe Viterbo del 18.08.2020.
    Un luogo incantevole per appassionati di storia ed arte ma anche per amanti della natura.
    Purtroppo non è cambiato nulla in questi quasi 2 anni al riguardo della segnaletica sempre carente quindi.
    In realtà basterebbe che il numero di ogni edificio indicato sulla planimetria (distribuita all'ingresso) sia riportato su ogni segnale di legno che indirizza verso l'edificio in questione.
    Magari essere più generosi con le planimetrie e darne su richiesta anche ad ogni visitatore.
    Infine, magari armonizzare il prezzo del biglietto indicato sui siti ufficiali perche ora varia da 10 a 13 euro. Inoltre, nessun menziona il costo del parcheggio.

    Rispondi

  • Beppe Viterbo

    Beppe Viterbo

    • 18 Agosto 2020 at 15:57
    • #

    Per gli appassionati di storia ed arte è una visita obbligata. Peccato che la segnaletica sia abbastanza carente, non viene indicato un percorso, non erano disponibili mappe. Da migliorare la gestione.

    Rispondi

  • Barbara

    Barbara

    • 23 Ottobre 2018 at 13:16
    • #

    Bellissmo sito..ma dovrebbero proteggere di più i pavimenti con i mosaici.

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.