Skip to main content

Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Tempio di Santo Stefano della Vittoria

Tempio di Santo Stefano della Vittoria

Questo tempietto dedicato alla Vittoria e santo Stefano d'Ungheria venne fatto costruire dal granduca Cosimo I de' Medici presso la piana di Scannagallo, dove (2 agosto 1554) le truppe della coalizione imperiale di cui faceva parte la Toscana sconfissero quelle franco-senesi nella Battaglia di Scannagallo, durante la Guerra di Siena.

Il tempio è tradizionalmente attribuito a Bartolommeo Ammannati, ma è stato recentemente riconnesso alla collaborazione professionale tra Giorgio Vasari e l'Ammannati stesso. L'edificio venne realizzato nel 1569 sulla base di una planimetria ottagona con scarsella di matrice tipicamente fiorentina utilizzando una serie di motivi decorativi di matrice antiquaria.

Sopra il frontone della porta principale è collocato un grandioso stemma in travertino di casa Medici, recante l'iscrizione latina del suo nuovo titolo. Sulla porta all'interno si vede lo stemma della famiglia Gianfigliazzi. Le pareti laterali mostrano due epigrafi in lingua latina dedicate all'istituzione dell'ordine dei Cavalieri di Santo Stefano, istituito a Pisa nel 1561, fondato dal duca (già Gran Maestro) con il fine di proteggere le acque del Tirreno dai Corsari barbareschi, a cui il tempio stesso venne donato.

L'impianto è rettangolare con un'ampia abside esagonale dotata di campanile a vela. La facciata neoclassica è caratterizzata da quattro lesene che affiancano il portale timpanato e due finestre fortemente strombate; sul cornicione aggettante si imposta un movimentato timpano.

L'interno è caratterizzato da un soffitto ligneo del XVI secolo intagliato a lacunari. L'edificio ha subito ampliamenti e modifiche nel XVII e XVIII secolo, quando fu messo in opera l'altare di sant'Eufemia, che custodisce il corpo della santa, dove si trova una statua in terracotta invetriata raffigurante la Madonna col Bambino, attribuita ad Andrea della Robbia (1460 circa). Nella chiesa è esposta anche una serie di tele con Storie di Santa Eufemia e di Santa Lucia di Giovanni Camillo Sagrestani.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Biglietti

Gratuito

Servizi

Condividi

Via Piana, 51
52045 Foiano della Chiana - Arezzo
659
Aggiornamento Pagina: 27/11/2022