I Musei nelle zone gialle riapriranno, a partire dal 18 gennaio, nei giorni feriali. Resteranno chiusi nei giorni festivi.

Parco di Villa il Ventaglio

Giardino Storico / FIRENZE

Nella prima metà del XV secolo la villa, di proprietà di Lippaccio e Giovanni Brancacci, era descritta come "chasa da oste" ed era luogo di sosta per i pellegrini che da Porta a Pinti (in corrispondenza dell'attuale piazzale Donatello) si recavano a San Domenico di Fiesole. Dopo una serie di passaggi di proprietà la villa venne acquistata, nella prima metà del XIX secolo, dal conte Giuseppe Archinto. Questi incaricò Giuseppe Poggi di ristrutturare la casa e di riprogettare il giardino. Poggi, avvalendosi della collaborazione del giardiniere e botanico Attilio Pucci, lo trasformò in un parco romantico. I lavori di movimenti di terra durarono fino al 1856, dopodiché si iniziò a piantare gli alberi (tigli, olmi, ippocastani e bagolari).

L'edificio è circondato da terrazze disposte su due livelli; quello inferiore, collegato al viale del parco da una doppia scalinata, presenta un bel giardino pensile all'italiana, caratterizzato da aiuole di rose. Il giardino, comunicante con la villa per mezzo di un cancello non più utilizzato, è un parco monumentale aperto al pubblico gratuitamente e gestito dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Firenze.

Il lungo viale serpeggiante che da via Aldini sale fino al piazzale antistante la villa costituisce l'elemento caratterizzante il disegno del parco, ed assieme al sistema di sentieri e scalinate che tagliano la collina ricorda le soluzioni sperimentate dal Poggi nella progettazione del Viale dei Colli e della zona del Piazzale Michelangelo.

Il parco ha un impianto scenografico basato sull'alternanza tra suggestivi scorci di Firenze e la ricerca di prospettive tramite il contrasto tra le grandi masse arboree e le ampie superfici a prato. All'ingresso del parco, è presente un laghetto (dimora di uccelli acquatici, pesci e tartarughe d'acqua) al cui interno si trova un'isoletta, collegata al prato per mezzo di un piccolo ponte. Nella parte più alta del parco, alle pendici della villa, fa bella mostra di sé un labirinto di siepi addossato ad un versante della collina.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

da Mar. a Dom.
8.30-17.30

Lug. e Ago. chiuso il Gio.

Biglietti

Servizi

Condividi

Via Aldini, 10/12

50131 Firenze

Tel: +39 055 580283

768 hits

Aggiornamento Pagina: 08/10/2019

Attenzione! non usare questo form per contattare il museo.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Musei Italiani 2021