A causa dell'emergenza sanitaria in corso, i musei e Parchi Archeologici rimarranno chiusi al pubblico dal 6 novembre 2020 al 3 dicembre 2020.

Palazzo Valguarnera-Gangi

Dimore Nobiliari / Ville e Palazzi / PALERMO

Palazzo Gangi è noto al grande pubblico per essere stato scelto dal regista Luchino Visconti come set per una delle più affascinanti scene del suo celebre film Il Gattopardo. Il palazzo è una delle più importanti dimore nobiliari della Sicilia per il suo alto e inestimabile valore artistico. Di origine probabilmente cinquecentesca l'attuale aspetto del palazzo è il risultato di un' importante opera di ristrutturazione voluta nella seconda metà del Settecento dal principe Pietro Valguarnera, sposo della nipote Marianna proprietaria della dimora.

Nel corso degli anni, importanti architetti del periodo furono impegnati nel cantiere della fabbrica: Andrea Gigante, giovane architetto trapanese formatosi alla scuola di Amico e autore del meraviglioso e monumentale scalone di palazzo Bonagia, Mariano Sucameli, ideatore degli stucchi, dei medaglioni, delle cornici e balaustrini in stucco presenti sulla facciata, Giovan Battista Cascione, impegnato anche nella realizzazione del magnifico palazzo Santa Croce di via Maqueda. Lavorarono invece negli interni del palazzo per la decorazione dei superbi saloni, pittori illustri quali: Intergugliemi, Fumagalli, Velasco e Serenario. Quest'ultimo è l'autore dell'affresco centrale "La virtù della Fede" presente nel grandioso salone da ballo.

Capolavoro del rococò siciliano, la Galleria degli Specchi, detta così per la presenza di 4 antiche specchiere in oro zecchino, presenta uno scenografico doppio soffitto ligneo traforato, ideato molto probabilmente dal Gigante: un progetto molto affine ai lavori dei Bibiena. Si deve con molta probalità al Serenario la decorazione del soffitto traforato dipinto con finte architetture, trionfi floreali e giochi di putti. Splendidi i pavimenti maiolicati della sala da ballo con scene di battaglie e della galleria raffiguranti le Fatiche di Ercole. Splendidi anche i numerosi saloni che si susseguono varcando la sala d'ingresso, un tempo sala delle armi: il "salone neoclassico" con i dipinti del Velasco, il "salone rosso" dai preziosi arredi, il "salone azzurro" con la vetrina che ospita una pregiata collezione di ventagli e antiche cristallerie.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Visita guidata solo su prenotazione telefonica (minimo 20 persone) in orario pomeridiano.

Biglietti

Condividi

Piazza Croce dei Vespri, 11

90133 Palermo

Tel: +39 091 6162718

106 hits

Aggiornamento pagina: 29/09/2020

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Musei Italiani 2020