Skip to main content

Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Chiesa di San Rocco

Chiesa di San Rocco

Quella di San Rocco è l’unica chiesa confraternale veneziana pensata anche come sacrario del proprio santo titolare. Il corpo di San Rocco, conservato nell’altar maggiore, fin dal suo trasferimento a Venezia nel 1485 è meta incessante di pellegrinaggi, grazie al suo potere taumaturgico di protezione dalla peste.

A distanza di pochi mesi dall’apertura del cantiere, nel marzo del 1490, la cappella laterale sinistra del presbiterio doveva già essere conclusa e pronta per accogliere la reliquia del corpo di san Rocco che venne traslata dalla chiesa di San Silvestro. La reliquia rimarrà sistemata nell’altare dedicato successivamente al SS Sacramento fino al marzo 1520, quando, con una solenne processione, venne sistemato in un altare provvisorio cui era stato destinato fin dal 1493. Il concorso per la costruzione dell’altare maggiore venne vinto nel 1517 dallo scalpellino bergamasco Venturino Fantoni, che concepì un innovativo modello di “altare-reliquiario” basato sullo schema, sviluppato a Venezia soprattutto dagli scultori-architetti Pietro e Tullio Lombardo, del monumento funerario a forma di arco trionfale. L’altare-reliquiario è il punto focale di una complessa scenografia, incentrata sul culto del santo, che interessa tutta la cappella con gli affreschi della cupola e dell’abside (iniziati nel 1528) e i teleri sulle pareti affidati a Jacopo Tintoretto nel 1549.

Al centro del soffitto campeggia il grandioso dipinto (1675) di Giovanni Antonio Fumiani. Degne di nota sono le pale dei quattro altari, identici per struttura architettonica (1733 c.): il Miracolo di sant’Antonio di Francesco Trevisani, la brillante Annunciazione di Francesco Solimena, ma soprattutto le due splendide opere estreme di Sebastiano Ricci con San Francesco di Paola che risana un fanciullo e Sant’Elena ritrova la vera Croce, che insieme alle statue di David e Santa Cecilia, scolpite da Giovanni Marchiori nel 1743 per la cantoria dell’organo, sono senz’altro i più preziosi capolavori dell’arredo settecentesco della chiesa.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

da Lun. a Sab.
9.30-17.30

Dom.
13.30-17.30

Biglietti

Intero: € 2,00

Servizi

Condividi

Campo dei Frari, 3063
30125 Venezia
Tel: +39 041 5234864
642
Aggiornamento Pagina: 30/01/2024