Skip to main content

Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Certosa di Vigodarzere

Certosa di Vigodarzere

A seguito delle distruzioni causate dalla guerra della Lega di Cambrai, i monaci Certosini di Padova ricostruirono il loro monastero in un'ansa del fiume Brenta, sui terreni che il vescovo aveva donato all'Ordine. A partire dal 1534, fino al 1560, grazie all'opera di due celebri architetti dell'epoca, Andrea Moroni e Andrea da Valle, i lavori vennero portati a termine con grande soddisfazione dei monaci che si insediarono nel nuovo importante edificio fin dall'anno successivo.

Anche se la costruzione era imponente e rappresentava un notevole centro di cultura e meditazione, il numero dei monaci presenti non fu mai elevato, tanto che, nel 1768, la Serenissima ne decretò la chiusura e ne incamerò i beni ad essa collegati. Quando, poco dopo, Antonio Zigno ne entrò in possesso, trasformò la struttura in casa di campagna e corte contadina, lasciando intatte le celle sul retro ma creando le ali nobiliari e i magazzini agricoli collegati agli alloggi dei mezzadri.

Durante le due guerre la Certosa divenne caserma, polveriera e rifugio per gli sfollati che abbandonavano la città in seguito ai bombardamenti alleati. Attualmente l'intero complesso è di proprietà privata, ed in parte utilizzato come casa contadina.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Visitabile esternamente.

Biglietti

Servizi

Condividi

Via Certosa, 2
35010 Vigodarzere - Padova
107
Aggiornamento Pagina: 21/04/2024