Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.

Archivio di Stato di Mantova

Archivio Statale / MANTOVA

L’Archivio di Stato di Mantova conserva documenti a partire dal secolo XI (quando Mantova faceva parte del dominio di Matilde di Canossa) del periodo comunale, della signoria dei Bonacolsi e soprattutto dei Gonzaga, che hanno retto le sorti della città per quasi quattro secoli (1328-1707). L’archivio Gonzaga in particolare è uno fra i più completi e omogenei archivi di famiglie che hanno governato in età moderna; esso rappresenta il nerbo portante della storia mantovana politica, sociale, economica, amministrativa, artistica, di epoca medievale e moderna, ma la sua importanza travalica di gran lunga i confini locali. Grazie infatti alla committenza gonzaghesca dei secoli XV-XVII, legata alle figure del marchese Ludovico, di Isabella d’Este, dei duchi Federico II, Guglielmo, Vincenzo I e Ferdinando, Mantova richiama artisti quali Donatello, Leon Battista Alberti, Andrea Mantegna, Luca Fancelli, Giulio Romano, Antonio Maria Viani, Pietro Paolo Rubens, Nicolò Sebregondi, e musicisti come Jacques de Wert e Monteverdi. Di tutto ciò rimane testimonianza nelle copiose serie della corrispondenza gonzaghesca, ma anche nei contratti dotali, nei lunghi inventari notarili di beni, gioielli, oggetti d’arte, in codici e pergamene impreziosite da miniature di squisita fattura.

Oltre all’archivio Gonzaga notevoli per qualità e consistenza sono gli archivi del periodo asburgico, napoleonico e della Restaurazione, così come gli archivi notarili, catastali, degli enti ecclesiastici, delle corporazioni artiere. Sono inoltre conservati archivi di famiglie e di persone, pervenuti all'Archivio di Stato mediante donazioni o depositi, quali l'archivio dei Gonzaga di Castiglione delle Stiviere, l'archivio dei conti Castiglioni di Mantova, discendenti di Baldassarre Castiglioni, l'autore de Il Cortegiano, l'archivio gentilizio Cavriani, depositato nel 1988. Ultimi, ma non meno importanti, sono gli archivi fotografici Calzolari, Giovetti, e Benatti, acquistati rispettivamente nel 1997, nel 1999 e nel 2000.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

da Lun. a Sab.
8.30-13.30

Biglietti

Gratuito

Servizi

  • Archivio
  • Attività Didattica
  • Mostre

Condividi

Via Roberto Ardigò, 11

46100 Mantova

Tel: +39 0376 324441

Archivio di Stato di Mantova
224 hits

Aggiornamento Pagina: 25/10/2021

Attenzione! non usare questo form per contattare il museo.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.