itzh-CNenfrdeiwjaptrues

I Musei nelle zone gialle e bianche riapriranno nei giorni feriali. Resteranno chiusi nei giorni festivi. news

Villa Giustiniani Massimo

Ciclo di Affreschi / Ville e Palazzi / ROMA

La villa Giustiniani al Laterano, detta anche "villa Massimo", dal nome dei successivi proprietari, era una villa seicentesca che si estendeva tra le attuali via Merulana, via Tasso, viale Manzoni e piazza San Giovanni in Laterano. Voluta dal marchese Vincenzo Giustiniani, principe di Bassano e depositario della Camera Apostolica, dopo aver acquisito nel 1605 un terreno coltivato a vigna, vi fece erigere una dimora sfarzosa.

Passata in mano ai Massimo nel 1803, le tre sale della dimora lato giardino vennero affrescate dai Nazareni: gli Episodi dell'Orlando Furioso (Stanza dell'Ariosto) da Julius Schnorr von Carolsfeld (1822-27), gli Episodi della Gerusalemme Liberata (Stanza del Tasso) da Johann Friederich Overbeck (1819-27) e le Scene del Paradiso e Purgatorio (Stanza di Dante) da Joseph Anton Koch (1825-28) aiutato nelle ghirlande da Franz Horny e con sulla volta l'Allegoria del Paradiso avviata prima da Philip Veit (1818-24).

Nel 1848 la villa passò ai Lancellotti, che nel 1871, in seguito al progetto di lottizzazione dell'Esquilino, vendettero il vasto parco come area edificabile: mentre così il parco iniziò a scomparire sotto l'espansione della città, nel 1885 il monumentale portale del muro di cinta della villa venne ceduto allo Stato. Esso venne riposizionato nel 1931 come ingresso alla villa Celimontana al Celio, dove tuttora si trova.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Mar. e Gio.
9.00-12.00
16.00-18.00

Dom.
10.00-12.00

Altri giorni su prenotazione

Biglietti

Servizi

  • Visite Guidate

Condividi

Via Matteo Boiardo, 16

00185 Roma

Tel: +39 06 70495651

6180 hits

Aggiornamento Pagina: 25/01/2021

Attenzione! usare questo form esclusivamente per commentare la vostra visita.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.