Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Museo Missionario Africano

Museo Missionario Africano

Arte Africana / Musei Ecclesiastici Etnografici / PADOVA

Il Museo Missionario Africano di Padova, allestito nel Convento dei Frati Minori Cappuccini, è stato inaugurato nel 1968, per volere di padre Fiorenzo Cuman, con lo scopo di conservare e valorizzare le testimonianze, provenienti dalle missioni francescane cappuccine, sparse in tutto il mondo, specialmente in Africa ed America meridionale.

La raccolta museale risale agli anni Cinquanta, pochi anni dopo dell'apertura della missione in Angola da parte dei Cappuccini veneti e friulani (1948), anche se per la sua inaugurazione bisogna attendere il 1968, quando padre Fiorenzo Cuman, collaboratore del Segretariato missionario, realizza il primo allestimento. L'itinerario museale presenta in prevalenza oggetti in legno o avorio, maschere, utensili e monili.

Oltre a oggetti in legno o avorio, maschere, utensili, monili, il Museo Missionario Africano include una straordinaria collezione naturalistica di uccelli e animali imbalsamati, alcuni dei quali oggi in via di estinzione, e un’interessante esposizione di strumenti musicali africani: tamburi (ngoma), pianoforti tipici africani (kissanje), xilofoni (marimba) e strumenti a scuotimento (sakaias).

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Dom.
9.00-12.00
15.00-19.00

Biglietti

Offerta libera

Servizi

  • Parcheggio

Condividi

Via Santa Croce, 44

35123 Padova

Tel: +39 049 8803466

Museo Missionario Africano
7486 hits
Aggiornamento Pagina: 08/11/2021
Attenzione! Questo Form non è collegato al museo, va usato esclusivamente per le recensioni. I messaggi non inerenti saranno cestinati.

Commenti (1)

  • Daniela Lunghi

    Daniela Lunghi

    • 07 Novembre 2021 at 19:44
    • #

    Sono una storica dell'arte, vivo a Genova. Mi interessa molto il vostro museo, ho avuto occasione di studiare dei bronzi del Benin e vorrei continuare questi studi.

    Rispondi

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.