itzh-CNenfrdeiwjaptrues

I Musei nelle zone gialle riapriranno, a partire dal 18 gennaio, nei giorni feriali. Resteranno chiusi nei giorni festivi.

Museo Fondazione Cariparma

Quadreria / PARMA

Il museo contiene opere che partono del secolo XVI al XX. Esso comprende ritratti di Ranuccio I Farnese e di Margherita Aldobrandini, nature morte di Felice Boselli, alcune tavole di Cristoforo Caselli detto “il Temperello”, qualche battaglia di Francesco Simonini, ritratti del Molinaretto e di Louis-Michel van Loo. Vi si conserva uno stupefacente disegno ed un foglio con 8 stampe all'acquaforte del Parmigianino ed un dipinto del Lanfranco.

Per la pittura ottocentesca troviamo oli di Alberto Pasini, Roberto Guastalla, Cecrope Barilli, Luigi Marchesi, Salvatore Marchesi, Giulio Carmignani e altri, compreso un ciclo pittorico di Giambattista Borghesi che rappresenta la decorazione di uno studio.

Il Novecento invece trova i suoi riferimenti in Daniele de Strobel, Amedeo Bocchi, Gianfranco Manara, Donnino Pozzi e Bruno Zonchi per la pittura, per la scultura troviamo una ricca collezione di stampi preparatori di Luigi Froni. All’interno sono presenti anche donazioni di privati illuminati quale quella di Edoardo e Domitilla Garbarino costituita da porcellane e ceramiche risalenti al secolo XV e XVI.

Oltre a queste opere di tipo artistico sono conservate alcune raccolte particolari: quella di cartamonete, la seconda in Italia per importanza, con il fine di far analizzare la storia da un altro punto di vista; quella di falsi e una sulle tecniche di falsificazione. Oltre a queste raccolte sono esposti anche alcuni arredamenti e stampe, disegni e raccolte iconografiche riguardanti Parma e il suo territorio.

Si consiglia di verificare gli orari di apertura sui siti web dei musei prima della visita.

Orario Apertura

Visitabile su prenotazione

Biglietti

Gratuito

Servizi

  • Biblioteca

Condividi

Strada Ponte Caprazucca, 4 - Palazzo Bossi Bocchi

43121 Parma

Tel: +39 0521 532111

Fax: +39 0521 289761

1825 hits

Aggiornamento Pagina: 09/09/2015

Attenzione! non usare questo form per contattare il museo.

Musei Italiani 2021