A causa dell'emergenza sanitaria in corso, i musei e Parchi Archeologici rimarranno chiusi al pubblico dal 6 novembre 2020 al 3 dicembre 2020.

Museo di Casal de' Pazzi

Archeologia / Paleontologia / ROMA

Il Museo di Casal de' Pazzi è un'importante area di interesse archeologico, geologico, paleontologico trasformata nel tempo in un vero e proprio Museo. Si trova a Roma, nel I V Municipio, tra la via Tiburtina e la via Nomentana, non lontano dal fiume Aniene.

Nel deposito furono scoperti oltre 2000 reperti faunistici caratteristici di condizioni climatiche tendenzialmente temperate ed umide. Sono state rinvenute numerose ossa di vertebrati, attribuibili per lo più a mammiferi ed uccelli. L'insieme faunistico nel suo complesso è costituito in parte da animali oggi estinti e da specie che non possono essere più individuate nel territorio laziale o più in generale in quello italiano, a causa delle diverse condizioni climatiche e ambientali attuali. Gli animali che ricorrono con maggiore frequenza sono l'elefante antico (Elephas antiquus) di cui sono state rinvenute una trentina di zanne, la più grande delle quali raggiunge i 3,50 m di lunghezza; il rinoceronte (Dicerorhinus sp.), l'ippopotamo (Hippopotamus amphibius), l'uro (Bos primigenius), il cervo elafo (Cervus elaphus), la iena (Crocuta crocuta), il lupo (Canis lupus) e il cavallo (Equus sp.). Completano l'insieme quattro specie di uccelli acquatici, l'oca lombardella (Anser albifrons), il fischione (Anas penelope), il canapiglia (Anas strepera) e l'alzavola (Anas crecca).

Nel giacimento è stato rinvenuto un frammento di parietale destro attribuibile al genere Homo. Il frammento venne scoperto nel 1983, sotto uno dei blocchi di tufo del deposito fluviale. Pur non permettendo quest'unico resto umano un'attribuzione tassonimica precisa, il confronto con altri resti craniali, come quelli di Saccopastore (Roma) e di Petralona (Grecia), hanno permesso di evidenziare caratteristiche definite come preneandertaliane.

Il sito di Casal de' Pazzi presenta numerose affinità nell'industria litica e nella posizione stratigrafica con altri due siti dell'area romana posti lungo la bassa valle dell'Aniene, Monte delle Gioie e Sedia del Diavolo. Entrambi i complessi risultano oggi scomparsi a causa dell'intenso intervento antropico che ha avuto luogo negli ultimi decenni; il Museo di Casal de' Pazzi rappresenta l'unico visibile.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

da Mar. a Ven.
9.00-12.00

Sab. Dom. Festivi
10.00-11.00

Ingresso con prenotazione obbligatoria
+39 060608

Biglietti

Gratuito

Condividi

Via Egidio Galbani, 6

00156 Roma

Tel: +39 060608

1864 hits

Aggiornamento Pagina: 15/08/2020

Attenzione questo form è destinato esclusivamente alla recensione della struttura. Non usarlo per contattare il museo.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Musei Italiani 2020