A causa dell'emergenza sanitaria in corso, i musei e Parchi Archeologici rimarranno chiusi al pubblico dal 6 novembre 2020 al 3 dicembre 2020.

Museo La Memoria Giocosa

Musei del Giocattolo / ROMA

Il Museo raccoglie la vasta collezione di giocattoli lasciata in eredità a Lisa e Franco Palmieri da Fritz Billig Hoenigsberg nel 1979. Quando, in seguito all’avvento del Nazismo, Fritz Billig riparò dalla nativa Vienna a New York, riuscì a portare con sé anche i giocattoli che aveva ricevuto da bambino: automi, automobili della Lehman e della Tipp/co, aziende di proprietà di famiglie ebree che vennero requisite dalla Germania Hitleriana. Quei giocattoli, con i quali avevano giocato tutti i bambini europei senza distinzione di cultura, di religione o (ma è una brutta parola) di razza, divennero per Fritz Billig il simbolo di un luogo ideale dove tutti i bambini possono essere uguali e con i quali si può dialogare giocando.

Motivato da questa spinta ideale, Fritz Billig ha continuato per tutta la vita a raccogliere giocattoli. Ora sono in questo museo, in uno spazio di 308 mq nello storico quartiere del Pigneto-Prenestino-Labicano. La raccolta che comprende giochi e giocattoli prodotti tra il 1900 e il 1960, è rappresentativa della vasta produzione internazionale di giocattoli europei, americani e asiatici.

Accanto alla collezione di Fritz Billig, trova spazio anche parte della collezione di bambole d’epoca, sempre prodotte tra il 1900 e il 1960, di proprietà di Henrietta Somalvico, perito ed esperto del settore e collezionista di bambole d’epoca dal 1986.

Vi è inoltre allestito un grandioso paesaggio ferroviario di 25 mq, realizzato nel 1937 di rara suggestione in scala 1/43, con 3,2 cm. di scartamento rotaia, unico in Italia.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

da Mer. a Ven.
15.00-19.00

Sab. Dom.
10.00-19.00

Biglietti

Condividi

Via Vincenzo Coronelli, 24/26a

00176 Roma

Tel: +39 06 21700782

1660 hits

Aggiornamento pagina: 09 Febbraio 2019

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Musei Italiani 2020