itzh-CNenfrdeiwjaptrues

La prima domenica del mese gratuita è attualmente sospesa.

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo

Chiesa / Ciclo di Affreschi / Fara Novarese

L'edificio risulta nominato per la prima volta in una pergamena del 1157 dell'Archivio Capitolare di Santa Maria, ma non è da escludere che si tratti di una fondazione più antica. L'analisi delle murature ricondurrebbe alla seconda metà dell'XI secolo.

Di particolare interesse, è un ciclo di affreschi del XV secolo attualmente visibile principalmente nell'abside: il ciclo doveva estendersi anche sulle pareti laterali e sulla controfacciata. Molti altri frammenti di affreschi ed alcune scene integrali, infatti, sono emerse al di sotto dell'intonaco moderno. Al centro del catino absidale è rappresentato il Cristo Pantocratore in mandorla, contornato dai simboli dei quattro Evangelisti. Al di sotto vi è una fascia con i dodici apostoli che gira anche sulle spalle dell'abside. Nel 1975, durante i restauri, furono rimosse due figure di apostoli, ottocentesche, e messe in luce due finestrelle tamponate. I due apostoli erano probabilmente stati aggiunti in quanto non più visibili quelli rappresentati sulle spalle dell'abside, oggi nuovamente portati alla luce.

Lungo la base dell'abside vi è una seconda fascia di affreschi, di sicuro la più interessante: vi sono rappresentati dieci scene formanti un "ciclo dei mesi". I personaggi, laici, sono intenti alle attività legate alla terra o a quelle dello svago nobiliare. Il ciclo doveva girare anche sulle spalle dell'abside, così come quello degli apostoli soprastante; delle due figure mancanti sono recentemente emersi da sotto l'intonaco dei frammenti.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Visitabile su richiesta

Biglietti

Servizi

Condividi

Via Migliavacca c/o Cimitero Comunale

28073 Fara Novarese - Novara

Tel: +39 0321.829590

974 hits

Aggiornamento Pagina: 03/06/2019

Attenzione! non usare questo form per contattare il museo.

Lascia un commento

Please login to leave a comment.