Skip to main content

Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Teatro Ventidio Basso

Teatro Ventidio Basso

La facciata neoclassica, realizzata da Gabriele Gabrielli nel 1851, in travertino, è caratterizzata da un corpo centrale, che presenta, nell'ordine inferiore un pronao, preceduto da sei colonne in ioniche, che attraverso vari ingressi immettono nel foyer del piano terra. L'ordine superiore, è scandito da altrettante colonne composite, alternate a finestre e sormontate da timpano triangolare. Le ali laterali della facciata sono caratterizzate da due nicchie nell'ordine inferiore, cui corrispondono in quello superiore altrettante finestre lunettate con decorazione a palmette. La parte posteriore dell'edificio mostra maggiormente le preesistenze rinascimentali dell'area. L'ingresso laterale (riservato agli artisti), di impronta cinquecentesca, immette in un piccolo cortile con un loggiato ad arcate e portali e finestre riquadrate.

Dall'interno del pronao si accede al foyer del piano terra, ambiente suddiviso in due parti da quattro coppie di colonne ioniche in gesso ed arricchito lungo il perimetro da nicchie con all'interno delle statue opere di Giorgio Paci (1845 circa), che raffigurano la Danza, la Tragedia, la Commedia e l'Armonia, rappresentate allegoricamente da figure femminili, lungo i lati brevi; a lato dell'ingresso alla sala, sono rappresentati Apollo e Minerva. La volta è a cassettoni in stucco decorati a rosoncini. Sui lati lunghi si aprono altri ambienti (caffè, guardaroba), mentre lateralmente si accede alle scalinate che immettono ai palchi.

Oltrepassato il foyer del piano terra è la sala, di 15 metri di corda, dalla forma a ferro di cavallo con quattro ordini di palchi, suddivisi in 23 palchetti ciascuno, ed il loggione a galleria, per una capienza complessiva di 842 spettatori. Le superfici esterne dei palchetti sono impreziosite dalla decorazione in stucco dorato, realizzata da Giorgio ed Emidio Paci su disegno dell'architetto Giambattista Carducci, raffiguranti composizioni di putti, trofei e strumenti musicali. Le sue poltrone sono rivestite di velluto liscio di colore rosso.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Ven. Sab. Dom.
10.00-13.00
15.00-18.30

Biglietti

Intero: € 4,00
Ridotto: € 2,00

Servizi

  • Visite Guidate

Condividi

Via del Trivio, 33
63100 Ascoli Piceno
Tel: +39 0736 298213
80
Aggiornamento Pagina: 18/05/2024