Skip to main content

Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Cimitero cattolico di Sant’Anna

Cimitero cattolico di Sant’Anna

Il cimitero cattolico di Sant'Anna è un cimitero monumentale nel quale assume un rilievo particolare la componente architettonica, entro un programma urbanistico prestabilito. L'attenzione per l'organizzazione planimetrica segue canoni di simmetria e di equilibrio delle singole parti. Fu inaugurato il primo agosto 1825. L'area scelta apparteneva alla famiglia patrizia dei Burlo, che vi teneva una casa campestre ed una cappella per uso domestico consacrata a Sant'Anna.

Nel 1932 venne realizzato l'ingresso monumentale, su disegno dell'ing. Vittorio Privileggi, che approntò il progetto - solenne nella sua semplicità - dell'ingresso con la cancellata in ferro battuto, fiancheggiata da due corpi di fabbrica in pietra, dove trovano sistemazione gli uffici ed i servizi del cimitero. L 'ingresso è ornato con tre figure dello scultore Marcello Mascherini (Udine 1906 - Trieste 1983) in pietra di Orsera, raffiguranti due Angeli ed una Resurrezione di Lazzaro.

Le tombe collocate sotto il porticato sono firmate da artisti noti, non solo triestini, Giuseppe Capolino (Trieste 1827-1858), Giovanni Mayer (Trieste 1863-1943), Gianni Marin (Trieste 1875-in navigazione dall'America 1926), Franco Asco (Trieste 1903-1980) ed altri - ma anche di importanza nazionale, tra cui Donato Barcaglia (Pavia 1849-Roma 1930), Urbano Nono (Venezia 1849 ca.-Belluno 1925), Pietro Canonica (Moncalieri-Torino 1869-Roma 1959) e Pietro Magni (Milano 1816-1877). Tra i viali è possibile ammirare numerosissime realizzazioni di scultori locali tra XIX e XX secolo, quasi in una sorta di museo a cielo aperto: oltre agli artisti appena citati, spiccano Guglie1mo Schiff (Mannheim 1837-Gorizia 1891), Francesco Pezzicar (Duino-Trieste 1831- Trieste 1890) e Giovanni Depaul (Trieste 1825-1918) per il XIX secolo, Antonio Camaur (Cormòns-Gorizia 1875-Trieste 1919), Marcello Mascherini, Giovanni Scheriani (Trieste 1887-1947) e Ruggero Rovan (Trieste 1877-1965) per il XX. Come spesso accade, proprio la scultura funeraria è quella che ha il maggior peso nella produzione artistica di questi scultori, e risulta spesso la testimonianza principale della loro attività, assieme alle opere eseguite per altri committenti, ed a quelle pervenute nelle collezioni dei musei.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Aperto tutti i giorni
7.30-18.00

Biglietti

Gratuito

Servizi

Condividi

Via dell'Istria, 206

34149 Trieste

Tel: +39 040 7793802

646
Aggiornamento Pagina: 03/08/2023