Ogni prima domenica del mese, i musei, parchi archeologici e luoghi della cultura statali sono gratuiti.
Castello di Montegibbio

Castello di Montegibbio

Rocche e Castelli / Sassuolo

Eretto nel 920, fu inizialmente utilizzato dai canonici del Duomo di Parma per difendersi dagli attacchi degli ungari. Entrò poi a far parte dei possedimenti di Bonifacio di Canossa e della figlia Matilde, per finire in mano ai signori Della Rosa di Sassuolo. Distrutto nel 1325 dal ghibellino mantovano Francesco Bonaccolsi, fu ricostruito l'anno successivo quando i Della Rosa, con l'aiuto del guelfo Versuzio Lando, si riappropriarono del feudo. Ceduto agli Estensi nel 1375 e ai Pio di Savoia nel 1499, fu distrutto nel 1501 a causa di un terremoto legato alla Salsa di Montegibbio e rimase abbandonato per oltre un secolo. Nel 1636, con la cessione di Montegibbio ai nobili Boschetti di Modena, fu ricostruito. Passò poi al marchese Ottavio Spolverini di Verona nel 1696, al nobile Luigi Canonici di Ferrara nel 1767, alla famiglia Nanni nei primi dell'Ottocento e infine, nel 1851, ai Borsari di Finale Emilia, che lo ristrutturarono. Dal 1971 è di proprietà del comune di Sassuolo.

All'interno della corte, a forma di ellisse irregolare, sono riconoscibili vari corpi edilizi: la canonica con la torre campanaria, la Chiesa di San Pietro Martire, il palazzo marchionale e la torre castellana. Vi è poi una colombaia e l'abitazione di servizio, usata come fienile e deposito.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Biglietti

Servizi

  • Mostre
  • Visite Guidate

Condividi

Via Cà del Chierico

41049 Sassuolo - Modena

Tel: +39 0536 880801

Castello di Montegibbio
140 hits

Aggiornamento Pagina: 27/04/2022

Attenzione! usare questo form esclusivamente per le recensioni della struttura. I messaggi non inerenti saranno cestinati.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.