A causa dell'emergenza sanitaria in corso, i musei e Parchi Archeologici rimarranno chiusi al pubblico dal 6 novembre 2020 al 3 dicembre 2020.

Pinacoteca Civica di Pieve di Cento

Pinacoteca / Pieve di Cento

La Pinacoteca si articola in due sezioni distinte e complementari: il nucleo della raccolta d’arte antica e la collezioni d’arte del novecento. Negli archivi si segnalano l’antica biblioteca dei Padri Scolopi e le cartografie del Coronelli

Capolavoro del Museo è una Madonna lignea policroma del XIV secolo. Importante anche la raccolta di tele e sculture dal '500 al '700 di ambito bolognese e ferrarese.

Di particolare pregio sono alcune tavolette di rame dipinte tra il '500 -'600, alcuni esempi di "dipinti da camera", un dipinto di grandi dimensioni raffigurante l'Educazione della Vergine, della prima metà del XIX sec, riferibile ad un autore spagnolo ed infine il superbo ventaglio con la scena de L'allattamento di Giove, raro esemplare con stecche lavorate in madreperla,  dei primi del '600.

Nelle vetrine della Pinacoteca sono raccolti: vetri veneziani degli anni '30, splendide manifatture di Murano degli anni '20, esempi di scuola scandinava, quali vetri Orrefors, opere di artisti francesi come Emile Gallè, dei fratelli Daum, Charles Schneider, Sabino e René Lalique, a cui si affiancano esemplari della contemporanea scuola del vetro boema, manifatture Johan Witwe Lötz di Klastersky, Mlyn e Moser di Karlsbad ed infine un'intera vetrina di manufatti creati su disegni di Alberto Martini, e creazioni in pasta vitrea di Pino Signoretto.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Orario Apertura

Dom. e Festivi
10.00-13.00
15.30-18.30

Biglietti

Intero: € 5,00

Biglietto cumulativo per tutte le sedi

Condividi

Piazza Andrea Costa, 17

40066 Pieve di Cento - Bologna

Tel: +39 051 6862621

Fax: +39 051 974308

1551 hits

Aggiornamento Pagina: 05/04/2018

Attenzione questo form è destinato esclusivamente alla recensione della struttura. Non usarlo per contattare il museo.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Musei Italiani 2020