Chiesa di Santa Maria della Consolazione

Si trova ai piedi della Rupe Tarpea. Nel 1385 Giordanello degli Alberini, un nobile condannato, pagò due fiorini perché un'immagine della Vergine Maria fosse collocata qui per consolare i condannati. Da qui il nome della chiesa. Fu edificata nel 1470 e ricostruita nel 1583-1600 su progetto di Martino Longhi il Vecchio. La facciata, che si leva bianca di travertino su un'ampia scalinata moderna, è a due ordini: quello inferiore, ripartito da lesene corinzie in cinque campate, e con tre portali, è dovuto al Longhi; quello superiore, compiuto nel 1827 da Pasquale Belli nello stesso stile, è a tre campate e si raccorda all'attico del primo ordine, sul quale si trovano statue di 4 profeti. L'interno è a tre navate divise da pilastri, ed ha tre absidi con delle cappelle.

Tra le opere principali, si possono annotare: Storie della Passione, affreschi di Taddeo Zuccari del 1556; Madonna col bambino e santi di Livio Agresti (1575);
un’icona di Maria del XIII secolo; all'altare maggiore, affresco di S. Maria della Consolazione, di epoca medievale, restaurato da Antoniazzo Romano; Natività, Assunzione e Scene della vita di Maria e Gesù del Pomarancio; Sposalizio mistico di S. Caterina, rilievo marmoreo di Raffaello da Montelupo (1530); L'adorazione dei Maggi, di Giovanni Baglione.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Piazza della Consolazione, 84
  • 00186 Roma

Contatti

  • Telefono: +39 06 6784654
Venerdì, 17 Aprile 2020

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.