itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Chiesa di San Jacopo in Acquaviva

Di presunte origini millenarie (il sito risalirebbe infatti, anche se per fonti non certe, al 320 d.C.) è citata ufficialmente per la prima volta in un atto notarile del 1163. Dalle origini sino al Cinquecento l'eremo di San Jacopo fu affidato ai Padri Agostiniani.

La chiesa, situata sul lungomare di Livorno, si inserisce in un fronte continuo di edifici che delimitano il lato meridionale della grande piazza San Jacopo in Acquaviva. La composizione, sostanzialmente simmetrica, è variata sul versante rivolto verso il mare per la presenza del campanile ottocentesco. La chiesa è caratterizzata da una facciata a capanna di gusto neorinacimentale, inquadrata all'interno di lesene e sormontata da un frontone triangolare; l'asse centrale del prospetto è evidenziato dal portale, chiuso sotto un timpato arcuato, oltre il quale si apre una finestra semicircolare di derivazione termale. La chiesa è affiancata da un campanile alto 27 metri.

L'interno, piuttosto semplice, è a croce latina, con un'unica navata preceduta da una cantoria in controfacciata. Tra le opere d'arte della chiesa occorre ricordare due tavolette di scuola giottesca, riscoperte nel 2005 in occasione di un'importante mostra tenutasi a Pisa sull'arte del Duecento. Dal 2008 questi dipinti sono stati definitivamente trasferiti nel Museo diocesano Leonello Barsotti, presso il Seminario Girolamo Gavi. Inoltre, al 1985 risalgono le sei formelle in bronzo del portale e le tre pale d'altare, opera del livornese Antonio Vinciguerra. Attualmente le formelle in bronzo solo state collocate definitivamente all'interno della chiesa.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Piazza S. Jacopo in Acquaviva, 17
  • 57127 Livorno

Contatti

  • Telefono: +39 0586 800590
Venerdì, 29 Giugno 2018

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.