Villa di Corliano

La villa sorge in un'area che anticamente fu proprietà dei pisani Venuleii, una famiglia consolare romana di origine etrusca. Nel 1126 la proprietà risulta in possesso dei figli di Schiero II Visconti di Pisa, rappresentanti degli Obertenghi a Pisa.

I soffitti del salone e del vestibolo di ingresso, affrescati dal pittore fiorentino Andrea Boscoli tra il 1592 e il 1593, rappresentano scene mitologiche tratte dalle Metamorfosi e dai Fasti di Ovidio ed i segni zodiacali. Sede di numerose Accademie da quella degli Svegliati fino alla Colonia Alfea, filiazione pisana dell'Accademia dell'Arcadia, ha in facciata i fregi dell'Accademia degli Stravaganti (una tartaruga ed una lepre). All'esterno graffiti tipici del manierismo fiorentino che rappresentano le virtù Accademiche della “Fortezza, Abbondanza e Fortuna”.

Nel 1755 in occasione del matrimonio di Teresa della Seta Gaetani Bocca (1736-1816) con il conte Cosimo Baldassarre Agostini Fantini Venerosi (1722-1793), la villa fu ristrutturata dall'architetto veronese Ignazio Pellegrini. Il Pellegrini mutò l'approccio scenografico del primitivo vialone d'accesso alla villa che da rettilineo e in asse con l'entrata della villa, trasformò in un duplice percorso anulare, lambito, all'interno, da un parco all'inglese e, verso l'esterno, da boschi e uliveti.

Il parco già descritto da Giovanni Targioni Tozzetti nella seconda metà del Settecento, è ispirato al rococò; si estende su 7 ettari con piante secolari e rare specie botaniche, racchiude al suo interno una piccola Kaffeehaus del XVIII secolo con un teatro di verzura, la scuderia, il borgo, la fattoria, il frantoio e la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via Statale Abetone, 50
  • 56017 San Giuliano Terme - Pisa

Contatti

  • Telefono: +39 349 6811415
Venerdì, 24 Agosto 2018

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.