itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Parco Archeologico di Liternum

L'antica città non ha nulla a che vedere con il comune di Villa Literno, situato 10 km più a nord, il cui nome artificiale e fuorviante è recente, assegnato per decreto ministeriale appena nel 1927.

La zona era abitata già in epoca preistorica e successivamente da popolazioni di stirpe osca che probabilmente vi fondarono una città che fu poi ampliata dai romani che nel 194 a.C. vi fondarono Liternum. La città si trovava sulla sponda sud del Lago di Patria (detto allora Literna Palus) presso la foce del fiume Clanis. La città fu assegnata a dei veterani della seconda guerra punica, appartenenti all’esercito di Scipione l'Africano, che qui si rifugiò esule e vi morì nel 183 a.C.

La città ebbe un notevole sviluppo in epoca augustea, ma soprattutto tra la fine del I ed il II secolo d.C., dopo che fu attraversata dalla Via Domiziana che, partendo da Sinuessa (nel territorio dell'odierna Mondragone), la collegava con i centri della costa campana ed in particolare con il porto di Puteoli, l'odierna Pozzuoli, dove la strada terminava

Nel 1932 sono stati portati alla luce alcuni resti dell'antica città relativi al Foro, il Capitolium, la Basilica ed il Teatro, e l'Ara di Scipione l'Africano. Al di fuori delle mura cittadine è possibile vedere l'anfiteatro, parzialmente portato alla luce in anni recenti.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via Scipione l'Africano - loc. Lago Patria
  • 80014 Giugliano in Campania - Napoli

Contatti

  • Telefono: +39 081 0602760
  • Fax: +39 081 0602983
Giovedì, 29 Dicembre 2016

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.