itzh-CNenfrdeiwjaptrues


Museo Nazionale delle Acque Minerali

Il Museo è un’opera avviata nel 1993 dal Centro Studi Piero Ginocchi di Crodo e conclusa nel 2006 con la sua inaugurazione. Espone 5 completi impianti storici di imbottigliamento delle acque minerali, più di 15.000 bottiglie piene ed oltre 80.000 etichette. Il documento più remoto è un bando del Granduca di Toscana del 1° luglio 1583 sulle acque di Monte Catini di Valdinievole, in Firenze nella stamperia di Giorgio Marescotti.

La sezione mineralogica espone, in vetrine a parete, campioni esteticamente pregevoli e scientificamente significativi delle specie minerali rinvenute nel bacino del Verbano Cusio Ossola. Il criterio seguito nell’allestimento delle vetrine è quello delle rappresentatività delle principali e più note zone di ritrovamento: si possono così ammirare i minerali dell’Alpe Veglia e dell’Alpe Devero, della Valle Formazza, delle cave, quelli della media e bassa Valle Antigorio, della Bassa Ossola, della Valle Vigezzo, della Valle Antrona e di Baveno. Sono esposti alcuni campioni della collezione del prof. Aldo Roggiani, ora di proprietà del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino. Altri campioni sono stati donati da ricercatori al Centro Studi mentre altri sono di proprietà del Parco Veglia–Devero.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via Bagni, 18
  • 28862 Crodo - VB

Contatti

  • Telefono: +39 340 8281590
Lunedì, 22 Luglio 2019

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.