itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Concattedrale di Santa Maria Assunta

La Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta è senza dubbio uno tra i più importanti monumenti della Basilicata, sia per l'originalità sia per le opere che ornano il suo interno. Antichissime sono le origini di questa costruzione che fu distrutta, come d'altronde tutto l'antico centro abitato, nel 988 dai Saraceni, e ricostruita dal principe Giovanni di Salerno. La sua esistenza è documentata da una bolla di Callisto II del 1123. Nel 1133 fu ricostruita ed ampliata dopo un ulteriore saccheggio.

Costruita in pietra locale, ha un impianto simmetrico a croce greca ed è sorretta da pilastri; nel lato verso Sud ingloba uno sperone della roccia su cui poggia l'intera costruzione che ha resistito anche ai bombardamenti del 1943; è stata usata come ossario fino all'editto napoleonico del 1804 che imponeva la costruzione dei cimiteri fuori le mura dell'abitato.

Apprezzate le bellezze architettoniche, è interessante soffermarsi sull'enorme patrimonio storico e artistico che la chiesa contiene: la donazione De Mabilia, talmente pregevole da poter definire Santa Maria Assunta una sorta di museo, scrigno di meraviglie. La donazione è arrivata nel piccolo centro lucano nel 1454, tramite il presbitero e notaio Roberto De Mabilia (o De Mabilibus), originario di Irsina, che commissionò ad alcuni artisti padovani una serie di opere d'arte. La ricca donazione comprendeva, oltre alla ormai famosa statua di pietra raffigurante Sant'Eufemia di Andrea Mantegna, la scultura raffigurante la Madonna col Bambino attribuita a Nicolò Pizolo, un Crocifisso ligneo di scuola donatelliana, un fonte battesimale in breccia di Verona, tre codici miniati, un reliquiario d'argento contenente le ossa del braccio della santa, il dipinto raffigurante Santa Eufemia del Mantegna ora a Capodimonte, e un altro dipinto, la Dormitio Virginis.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Piazza XX Settembre, 9
  • 75022 Irsina - Matera
Martedì, 03 Aprile 2018

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.