Collegiata di San Ginesio

Fondata come Pieve nel XI sec., la tradizione vuole che sia stata costruita sui resti di una più antica chiesetta dedicata al martire San Ginesio.La facciata di questa grande chiesa, in seguito dedicata all’Assunta, ha un solo magnifico portale in travertino del XII sec. sulle cui pietre sono visibili antiche iscrizioni a ricordo di eccezionali eventi metereologici e una formella incastonata con l’immagine di San Ginesio mimo ed accanto la maschera di attore.La fronte della Collegiata si suddivide orizzontalmente in due parti : quella inferiore di stile romanico che risale al sec. XI e costituisce il basamento al resto della facciata, estrema testimonianza del gotico fiorito in simbiosi con la tradizione romanica ed unico esempio nelle Marche di tale architettura. Ne fu autore un maestro tedesco, Enrico “Alemanno” che la costruì nel 1421. Contigua allo splendido alzato si trova la torre civica (una volta facente corpo unico col Palazzo Defensorale, oggi teatro G. Leopardi) di stile romanico con cuspide a forma di bulbo ricostruita nel sec. XVII.

L’interno é suddiviso in tre navate da una duplice fuga di poderose colonne che sostengono archi a tutto sesto, fatta eccezione per gli ultimi due, a sesto acuto e più ampi appoggiati alle pareti absidali. Vi sono custodite numerose e pregiate opere d’arte di vari autori, anche nelle cappelle “a sfondo” che si aprono lungo la navata destra, tra cui : Simone De Magistris, Adolfo De Karolis, Cristoforo Roncalli detto Il Pomarancio, Pietro Alemmanno da Gottweich. Scendendo nella sottostante cripta (oratorio di San Biagio) si possono ammirare gli affreschi di Lorenzo Salimbeni datati e firmati 1406.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Piazza A. Gentili, 37
  • 62026 San Ginesio - Macerata

Contatti

  • Telefono: +39 338 2859930
Domenica, 30 Giugno 2019

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.