itzh-CNenfrdeiwjaptrues


Biblioteca Marucelliana

Nata per volontà dell'abate Francesco Marucelli, dal quale prende il nome, è il frutto della donazione della sua ricca e cospicua libreria personale, che in sede testamentaria lasciò insieme ad una rendita per l'edificazione di un apposito edificio a Firenze con lo scopo di facilitare nello studio anche i giovani poveri, visto che all'epoca non esisteva nella sua città d'origine alcuna istituzione del genere. Fu il nipote Alessandro a far costruire l'edificio dall'architetto Alessandro Dori, che venne aperto al pubblico il 18 settembre 1752, diventando la prima biblioteca di cultura generale aperta ad un vasto pubblico come si può leggere nell'iscrizione sulla facciata: "Marucellorum Bibliotheca publicae maxime pauperum utilitati" ("Biblioteca dei Marucelli per l'uso pubblico, soprattutto dei poveri").

Il primo bibliotecario fu Angelo Maria Bandini, che nei circa 50 anni di attività la curò ed accrebbe con altri fondi. Con le soppressioni degli istituti religiosi tra Sette e Ottocento pervennero alla biblioteca altri cospicue raccolte librarie (come la biblioteca della Badia Fiorentina), a altre ancora vennero acquistate sul mercato.

Possiede quasi 40 mila volumi, 500 incunaboli circa, più di 2.000 manoscritti e circa 10.000 lettere e documenti sciolti. Tra le raccolte manoscritte spicca quella di Antonio Francesco Gori per la storia dell'archeologia, o gli autografi di Francesco Redi per la storia della scienza. Importante il legato di Diego Martelli, con numerose memorie legate a Foscolo e Quirina Mocenni Magiotti, o il carteggio di Silvio Pellico con la "Donna gentile", nonché il manoscritto originale della Francesca da Rimini di Pellico, donato dallo scrittore alla Mocenni. Tra i manoscritti miniati spiccano alcuni rari codici dei secoli XI e XII, come il Polycarpus Liber Canorum diversorum Sanctorum Patrum o una Nova Cronica di Giovanni Villani del XIV secolo. Tra gli incunaboli i Sermones et epistolae di papa Leone I e la Leggenda della Beata Chaterina da Siena del 1477, dal monastero di San Jacopo di Ripoli.

Possiede inoltre molti disegni e stampe (dal Quattrocento al Settecento), con opere di Ludovico Cigoli, Stefano della Bella, Domenico Beccafumi, Giorgio Vasari, Federico Zuccari. Importantissima la raccolta di melodrammi e oratori, datati a partire dal XVII secolo (donazione Diomede Bonamici di Livorno).

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via Cavour 43-47
  • 50129 Firenze

Contatti

  • Telefono: +39 0552 722200
Sabato, 05 Ottobre 2019

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.