itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Area Archeologica nell'Orto dei Monaci di San Paolo

Dell’edificio più antico nell’area di scavo è stato individuato soltanto il settore angolare Sud-Ovest che, con il considerevole spessore, esercitava anche il ruolo di poderosa sostruzione per il digradare accentuato del terreno verso il Tevere. I caratteri della muratura in mattoni e i materiali presenti negli strati archeologici correlati ne assicurano una cronologia tra la fine del V e gli inizi del VI secolo e inducono a riconoscere nella struttura una delle costruzioni fatte erigere da papa Simmaco (498-514) presso San Paolo, più probabilmente un resto delle “case per i poveri” (pauperibus habitacula) ricordate nella biografia del Liber pontificalis e che lo stesso papa aveva predisposto anche nei santuari di San Pietro e San Lorenzo.

L’area archeologica contiene parzialmente una più lunga costruzione porticata, di cui è garantita la prosecuzione a Sud e a Nord, fino all’originario atrio della basilica, nel punto in cui alcune vedute moderne visualizzano un passaggio tamponato. Nella struttura si distinguono con chiarezza due fasi edilizie: la seconda, forse in seguito al crollo di una parte del tetto, conservando il muro di fondo già esistente, vide il leggero rialzamento (ca. 30cm) del piano di appoggio delle colonne (stilobate).

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Piazzale San Paolo, 1
  • 00146 Roma

Contatti

  • Telefono: +39 06 69880800
  • Fax: +39 06 69880803
Lunedì, 26 Novembre 2018

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.