itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Sepolcro in via Statilia

Si tratta in un complesso di quattro sepolcri allineati scoperto all'inizio del secolo e che nella versione attuale si presenta notevolmente restaurato; il primo in ordine topografico era del liberto Publio Quinzio (faceva il libraio), della moglie e della concubina, come recita l'iscrizione relativa, ed è databile intorno al 100 a.C. Il monumento è costituito da un prospetto in blocchi tufacei, nel quale si apre una piccola porta inquadrata da due scudi scolpiti,di forma rotonda, che immette in un piccolo vano in parte scavato nella roccia.

Il secondo sepolcro, riferibile a sei diversi personaggi menzionati dall'iscrizione (liberti della famiglia Clodia, Marcia e Annia) e databile all'inizio del 1 secolo a.C., è costituito da due celle, alle quali si accede mediante porticine che si aprono esternamente su un prospetto marcato da un basamento in tufo con i ritratti dei defunti scolpiti.

Il terzo sepolcro notevolmente rovinato è del tipo a colombario, approssimativamente successivo al precedente. Il quarto monumento funerario è il più recente di tutti (metà del 1 secolo a.C.) e presenta una forma ad ara. Era di proprietà di due Auli Caesonii e di una certa Telgennia e presenta anche un ampliamento molto probabilmente successivo.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via Statilia
  • 00185 Roma

Contatti

  • Telefono: +39 060608
Venerdì, 03 Giugno 2016

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.