itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Roma: cosa vedere e cosa visitare

Basilica di Sant'Andrea delle Fratte

La chiesa, già esistente nell'XI secolo, venne ricostruita in forme barocche su progetto di Francesco Borromini, tra il 1653 e il 1658 (la facciata venne realizzata soltanto nel 1862). Il nome deriva dalla sua ubicazione, nei pressi di piazza di Spagna, un tempo alla periferia del centro abitato, dove erano situati alberi e cespugli.

La chiesa presenta una struttura con pianta a croce latina, con transetto e profonda abside. L'aula presenta un'unica navata lungo la quale si aprono tre cappelle per lato. L'interno, riccamente decorato, raccoglie diverse opere di artisti del XVII e XVIII secolo, tra i quali Francesco Cozza, Francesco Queirolo, Giovanni Battista Maini, Giuseppe Bottani, Paolo Posi, Pietro Bracci.

La seconda cappella di destra (della famiglia Accoramboni), forse anch'essa opera di Borromini, aveva originariamente un impianto analogo alla cappella Spada di San Girolamo della Carità, con decorazioni marmoree che imitano un apparato funebre provvisorio. Quella sul lato opposto è dedicata alla Madonna del Miracolo, la cui effigie è raffigurata nel dipinto al centro dell'ancona.

I due altari del transetto sono opera di Luigi Vanvitelli (sinistra) e Filippo Barigioni (destra). Nel presbiterio tele di vari artisti, tra cui il Martirio di Sant'Andrea di Francesco Trevisani.

Uno degli elementi di spicco dell'arredo della chiesa sono le due monumentali statue con Angeli con i simboli della Passione, opera di Gian Lorenzo Bernini, scolpite inizialmente (su commissione di Clemente IX) per la serie della Via Crucis di Ponte Sant'Angelo insieme ad altri opera di allievi, furono considerati troppo belli per essere esposti alle intemperie e furono donati allo scultore. Nel 1729 gli eredi di Gian Lorenzo Bernini, che abitavano in un palazzo non lontano, donarono i due angeli alla chiesa, che si trovò così ad essere un terreno di confronto tra i due massimi geni del barocco. Al di sotto dell'altare maggiore e dell'area presbiterale, si trova la cripta; all'interno di essa, vi è l'unico esempio di putridarium della città di Roma.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via di Sant'Andrea delle Fratte, 1
  • 00187 Roma

Contatti

  • Telefono: +39 06 6793191
Venerdì, 12 Gennaio 2018

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.