itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Napoli: cosa vedere e cosa visitare

Chiesa di San Giovanni a Carbonara

La Chiesa fu edificata con l’annesso convento nel 1343 e fu completata nel 1418 per munificenza di re Ladislao, figlio di Carlo III d’Angiò, divenendo così il “pantheon” degli ultimi Angioini.

Spicca, all'interno, il sepolcro di re Ladislao, eretto in forme tardo gotiche ad opera di artisti toscani e settentrionali diretti da Andrea da Firenze (1414), per volontà della sorella Giovanna, alla morte di Ladislao. Si tratta di un complesso monumentale, alto 18 metri che celebra le virtù del sovrano e che culmina con il monumento equestre del re, con la spada sguainata.

Alle spalle del monumento c’è la Cappella Caracciolo del Sole, con il monumento di Sergianni Caracciolo, grande siniscalco e amante della regina Giovanna. Altre cappelle, quali quelle dei Miroballo, dei Somma e dei Caracciolo di Vico sono ricche di statue e importanti monumenti sepolcrali. Le pareti presentano affreschi della scuola di Giotto che rappresentano scene di vita monastica e la nascita della Vergine. Alla destra del presbiterio si trovano la Cappella Caracciolo di Vico, la sacrestia, l’altare della Madonna delle Grazie e il monumento funebre del Miroballo.

Della chiesa facevano parte anche sedici opere di Giorgio Vasari, realizzate per la Sacrestia della chiesa. I dipinti su tavola, furono commissionati nel 1545 dall’Ordine degli Agostiniani, e realizzati dal Vasari nel 1546, con la collaborazione di Cristofano Gherardi, uno dei suoi più bravi collaboratori.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via Carbonara, 4
  • 80139 Napoli

Contatti

  • Telefono: +39 081 295873
Giovedì, 19 Aprile 2018

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.