itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Pinacoteca di Varallo

La Pinacoteca civica di Varallo vanta oggi circa 3.300 opere di pittura, scultura, disegni, stampe ed arredi che offrono una importante panoramica sull'arte valsesiana.

Di particolare rilievo, nella collezione, sono le statue lignee realizzate tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo. Deve innanzi tutto essere menzionato il gruppo di otto statue a grandezza naturale che formano un Compianto sul Cristo morto scolpite dalla bottega milanese dei fratelli De Donati: esso proviene dal Sacro Monte, verosimilmente dall'antica cappella della Deposizione (cosa che giustifica il nome di Pietra dell'Unzione con il quale il gruppo è conosciuto).

Tra le principali opere del XV secolo va ricordato il polittico Scarognino, oggi attribuito al cosiddetto Maestro di Crea, che testimonia la precoce attenzione dell'aristocrazia di Varallo verso la bottega casalese di Martino Spanzotti. Un ampio salone è dedicato ai due sommi pittori valsesiani: Gaudenzio Ferrari e Antonio d'Enrico detto Tanzio da Varallo.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via Pio Franzani, 2 - Palazzo dei Musei
  • 13019 Varallo - Vercelli

Contatti

  • Telefono: +39 0163 51424
  • Fax: +39 0163 564354
Lunedì, 10 Settembre 2018

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.