itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Pinacoteca dell'Accademia Carrara

L'origine della pinacoteca si deve al conte Giacomo Carrara, mecenate e collezionista con un generoso lascito alla città di Bergamo alla fine del Settecento. L'intenzione era quella di creare una Scuola di Belle Arti affiancata da una Pinacoteca che custodisse modelli utili per gli studenti. La Scuola nacque nel 1796 e dal 1810 ebbe sede nel palazzo costruito da Simone Elia, luogo in cui si trovava anche la Pinacoteca. Quest'ultima raccoglie e contiene tutt'oggi le opere collezionate dal Carrara, cui si sono aggiunte nel tempo donazioni di altri collezionisti: Guglielmo Lochis, Giovanni Morelli e Federico Zeri.

Il museo negli anni ha continuato ad incrementare il proprio patrimonio con acquisizioni e donazioni. Attualmente possiede più di 3000 disegni, oltre 8000 stampe, 1.800 dipinti dal XV al XIX secolo di artisti quali Pisanello, Botticelli, Bellini, Moretto, Mantegna, Raffaello, Palma il Giovane, Moroni, Baschenis, Fra Galgario, Tiepolo, Canaletto, Piccio, Giacomo Trecourt.

Per qualità e articolazione culturale il Museo si colloca oggi fra i più significativi musei di arte antica in Italia e vede, nella Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea recentemente aperta, e nell'attuale rinnovamento dell'impostazione didattica dell'Accademia Carrara di Belle Arti, il concreto segno d'apertura verso il mondo della cultura artistica odierna.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Piazza G. Carrara, 82
  • 24121 Bergamo

Contatti

  • Telefono: +39 035 234396
Venerdì, 25 Maggio 2018

Commenti (2)

  • Daniela D.

    Daniela D.

    28 Maggio 2018 at 09:17 | #

    Bellissima esperienza. Sicuramente è da visitare accompagnati da una guida e con tanto tempo a disposizione.

  • Anna Maccabelli

    Anna Maccabelli

    22 Febbraio 2016 at 09:28 | #

    Ho visitato il Museo e per questo avrei voluto portarci una classe di liceali in visita in concomitanza con l'esposizione del ritratto di Moroni del sarto. Purtroppo mi è stato detto che bisogna eseguire il bonifico 15 giorni prima, non in tempo per il 27 febbraio. Peccato! Vi segnalo, comunque, qualora non ci aveste pensato, che la ricevuta di pagamento del bonifico si può esibire anche al momento dell'ingresso e vi segnalo, inoltre, che il personale che risponde al telefono mi è sembrato non proprio efficiente. Se non vi interessa facilitare l'utenza, vorrei farvi presente che l'Italia è comunque piena di altri bei musei e difficilmente mi verrà in mente in avvenire di proporre l'Accademia Carrara come meta per i miei studenti.
    Prof. Anna Maccabelli

    Cremona, 11/2/2016

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.