itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Palazzo Salis

Palazzo Salis a Tirano (XVI-XVII secolo) è uno dei principali palazzi storici della Valtellina. Con i suoi circa 6000 mq riccamente decorati con affreschi ed arredati con oggetti d'epoca, il palazzo è stato interamente restaurato nel corso degli ultimi vent'anni ed accoglie migliaia di visitatori tutti gli anni per la visita della parte aperta al pubblico. Palazzo Salis è sotto la Sovrintendenza per la tutela dei beni culturali, artistici e paessaggistici della Lombardia.

Il palazzo nasce da un rifacimento ed unione di quattro palazzi nobiliari del XVI secolo, ed è rimasto attraverso i secoli sempre di proprietà della famiglia Salis (oggi Sertoli Salis). Si sviluppa su una struttura che presenta una facciata di stile tardo-cinquecentesco, fiancheggiata da due torri, con un portale centrale barocco realizzato su disegno di Jacopo Barozzi da Vignola.

All'interno del palazzo, di notevole interesse si trova un circuito museale di dieci sale riccamente decorate ed affrescate, tra cui il cosiddetto "Saloncello", importante sala a volta con affreschi a trompe l'oeil, punto d'incontro del potere politico in Valtellina nel XVII e XVIII secolo. La visita include anche l'affaccio sulla chiesetta barocca di famiglia, una delle prime chiese dedicate a san Carlo Borromeo (1612).
Volta della chiesa di San Carlo Borromeo

Tutte le sale del museo si affacciano sull'antica corte cinquecentesca detta "corte rustica", o "corte dei cavalli". L'accesso al museo avviene salendo l'imponente scalone d'onore e transitando per il Salone d'onore, che presenta un soffitto affrescato con decorazioni pittoriche settecentesche attribuite al Cucchi, coadiuvato dal quadraturista Crivelli.

La famiglia Salis ha giocato un importante ruolo nella storia della Valtellina a partire da circa metà 1600, quando il giovane barone Giovanni Salis venne incaricato dal padre Rodolfo di spostare la propria sede da Soglio (in Val Bregaglia) a Tirano, per meglio gestire i larghi possedimenti terrazzati e coltivati a viti e castagni. Essendo un ramo dei Salis convertito al cattolicesimo, i Salis Zizers si trovavano in una posizione ottimale: protetti dal vescovo di Como, da cui gli derivarono moltissime proprietà, godevano, in quanto svizzeri, dei privilegi e fiducia del governo della Repubblica delle Tre Leghe, riferimento politico e di governo, anche se con diversi livelli di sudditanza, della Valtellina di allora. Il palazzo, rimasto sempre in mano alla medesima famiglia, espone oggi opere di grande rilevanza storico-culturale, come una copia manoscritta del 1531 dei famosi "Statuti di Valtellina", citati nella Guerra di Valtellina, ed il diploma comitale originale con il quale l'imperatore asburgico Leopoldo I attribuiva nel 1694 a Giovanni Salis ed alla sua discendenza il titolo di Conte del Sacro Romano Impero.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via Salis, 3
  • 23037 Tirano - Sondrio

Contatti

  • Telefono: +39 340 0640653
Domenica, 30 Agosto 2015

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.