itzh-CNenfrdeiwjaptrues


Museo Etnomusicale di Montemarano

Il museo è dedicato a due personalità che hanno reinventato e interpretato la famosa tarantella detta appunto " La Montemaranese", come Celestino Coscia suonatore di doppio flauto di canna, e Antonio Bocchino, costruttore e suonatore di tamburello e scacciapensieri o più comunemente chiamato (tromba degli zingari), purtroppo venuti a mancare già da alcuni anni, senza però dimenticare Domenico Ambrosino continuatore ed elaboratore della nostra tarantella con il primo clarinetto, accompagnato durante i carnevali da Domenico Picariello con l'organetto e l'altra coppia rivale costituita da Giacomo Erricolo, che la interpretava in modo originale con la ciaramella, accompagnato durante i carnevali da suo nipote Francesco Erricolo, parimenti con l'organetto.

Oltre ai costumi tradizionali il museo ospita un vasto numero di strumenti musicali tradizionali, costruiti e suonati dagli anziani del paese, quali strumenti a fiato come il doppio flauto di canna, doppio flauto di sambuco, flauto e tromba di corteccia di castagno, ciaramella, clarinetto, armonica a bocca e una zampogna detta (surdolina) per ricordare l'ultimo suonatore che negli anni '30 eseguiva la Novena di Natale.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via San Francesco
  • 83040 Montemarano - Avellino

Contatti

  • Telefono: +39 0827 63012
  • Fax: +39 0827 63252
Giovedì, 30 Agosto 2018

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.