itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Museo di Antropologia Criminale "C. Lombroso"

Il museo contiene una collezione di reperti che Lombroso stesso aveva raccolto durante la propria carriera, per il progresso della sua “scienza”. Come forse saprete, l’approccio scientifico lombrosiano all’antropologia era particolare, smaccatamente positivista: convinto che tutto fosse misurabile, campionabile, e confrontabile con rigore scientifico (compresa la mente umana), e soprattutto che le caratteristiche fisiche degli individui avessero rapporti diretti con le loro peculiarità interne, Lombroso aveva misurato, registrato e catalogato, in ogni modo per lui possibile, una quantità innumerevole di individui, soprattutto criminali e internati in manicomi, con l’obiettivo di scoprirne pattern ricorrenti, segni comuni che potessero essere poi utilizzati per individuare quello che lui era convinto fosse il “tipo criminale”. Ecco quindi che Lombroso arricchiva la propria collezione di ritratti; calchi in gesso dei volti o riproduzioni in cera; armi del delitto (soprattutto pugnali); misurazioni fisiche quali altezza, peso etc; riproduzioni della forma delle mani, o delle orecchie; vestiti; addirittura crani e parti anatomiche di sciagurati e balordi di ogni tipo, per poi catalogarli, ognuno secondo il proprio crimine: “uxoricida”, “stupratore”, “ladro”, “mattoide”, “corruttore” etc.

Si consiglia di verificare gli orari di apertura sui siti web dei musei prima della visita.

Indirizzo

  • Via Pietro Giuria, 15
  • 10126 Torino

Contatti

  • Telefono: +39 011 6708195
  • Fax: +39 011 6705931
Venerdì, 27 Maggio 2016

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.