itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Museo di Anatomia Patologica

La raccolta degli esemplari anatomici che compongono il Museo di Anatomia Patologica fu iniziata, alla fine dell’800, da Ettore Marchiafava e trovava collocazione nell’Ospedale S. Spirito, sede delle attività della Facoltà medica della Sapienza. La raccolta originale, portata nell’attuale sede del Policlinico Universitario, andò quasi completamente distrutta durante il bombardamento di San Lorenzo (marzo 1944) e ne fu riavviata la ricostruzione nel 1950, sotto l’impulso di Antonio Ascenzi. Da allora, la collezione mussale è stata arricchita con la documentazione di malattie che andavano via via modificandosi o che hanno fatto un’inedita comparsa (come l’AIDS).

Il Museo dispone attualmente di un’ampia raccolta di campioni anatomopatologici, di provenienza autoptica e chirurgica. La casistica più completa e interessante è quella di Patologia Cardiovascolare, ricca – tra l’altro – di circa 900 cardiopatie congenite in storia naturale.

Si consiglia di verificare gli orari di apertura sui siti web dei musei prima della visita.

Indirizzo

  • Viale Regina Elena, 324
  • 00161 Roma

Contatti

  • Telefono: +39 06 4461484
Venerdì, 27 Maggio 2016

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.