itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Cisterne romane di Fermo

Le Cisterne Romane,dette anche "piscine epuratorie", situate sotto gli edifici che occupano il lato est di Piazza del Popolo, costituiscono un unicum all'interno del territorio marchigiano. Le Cisterne Romane, forse costruite su volontà di Cesare Ottaviano Augusto nel I sec.d.C., testimoniano la grande maestria e abilità costruttiva dei romani ed il rilevante ruolo dell'antica Firmum. Infatti, la necessità di un congruo approvigionamento idrico rese indispensabile costruire un ingegnoso sistema di captazione, incameramento e ridistribuzione razionale delle acque. Le Cisterne svolgevano, quindi, l'importante funzione di serbatoio d'acqua potabile, non solo per l'approvvigionamento dei fermani ma anche per quello degli equipaggiamenti navali. La struttura si articola in trenta sale voltate che occupano una superficie complessiva di circa 2.200 metri quadri.

Altre due piccole camere ora non visibili si trovano sulla collina del Girfalco, nei pressi dell'abside del Duomo, probabilmente costruite per la raccolta dell'acqua a servizio dell'antico tempio dedicato a Giove Optimo Maximo.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via degli Aceti, 1
  • 63023 Fermo

Contatti

  • Telefono: +39 0734 217140
  • Fax: +39 0734 215231
Domenica, 24 Giugno 2018

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.