itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Museo del Tesoro del Duomo di Vercelli

Il Museo del Tesoro del Duomo si trova in un’ala del Palazzo Arcivescovile, e racconta la storia plurimillenaria della diocesi di Vercelli e  della Cattedrale di S. Eusebio, primo vescovo della città e del Piemonte. Il percorso espositivo si snoda in alcune stanze al pianterreno, in parte affrescate nel Cinquecento, alle quali si uniscono altri due ambienti al primo piano, di recente allestimento.

L’esposizione si apre con l’originale riempimento del Crocifisso dell’XI secolo, le cui lamine sono tuttora conservate in Cattedrale, e con i frammenti tessili in esso ritrovati, utilizzati in passato per colmare le lacune della struttura ed oggi ricomposti nella tovaglia d’altare di manifattura tedesca del XIII-XIV secolo.

La figura di Sant’Eusebio, patrono della città, è richiamata dalla preziosa legatura del Codice A, Vetus Latina del IV secolo la cui stesura è tradizionalmente ricondotta al Santo. Parallelamente l’esposizione tiene vivo il ricordo di altri vescovi della Cattedrale mediante la presenza di oggetti a loro donati o appartenuti, come alcuni calici e un servizio pontificale da viaggio.

Recentemente è stata allestita una sezione scultorea, che si arricchirà nel tempo di opere inedite e dove è già presente EHONCEO, scultura contemporanea dell’artista Giorgio Sambonet, scomparso nel 2015.

Di grande impatto è la sala che si apre con due capitelli di III e IV secolo provenienti dalla Cattedrale che introducono idealmente il visitatore nello  spazio sacro, richiamato inoltre dalla presenza di una delle collezioni di reliquiari più importanti dell’Italia Settentrionale. Il Museo del Tesoro del Duomo ne conserva esemplari di diverse tipologie databili dal VII al XVII secolo.

A chiudere la sezione dei sacri resti vi sono particolari reliquie da  contatto che rimandano alla presenza di San Carlo Borromeo a Vercelli: la sua vestina da viaggio e il suo anello da chiroteca racchiuso in un piccolo reliquiario a ostensorio. Al piano superiore vi sono le Stanze del Papa che rievocano il legame tra Vercelli e il papato attraverso le figure di papa Giulio II e Giovanni Paolo II.

Al piano superiore del Palazzo Arcivescovile è sita la Pinacoteca, che comprende un nucleo di opere pittoriche comprese cronologicamente tra il XV e il XVIII secolo. La Pinacoteca è aperta al pubblico ogni primo sabato del mese e per scolaresche e gruppi anche dal martedì al venerdì dalle 9 alle 12, previa prenotazione.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Piazza D'Angennes, 5 - Palazzo Vescovile
  • 13100 Vercelli

Contatti

  • Telefono: +39 0161 51650
  • Fax: +39 0161 51650
Sabato, 28 Gennaio 2017

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.