itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Museo Civico di Gangi

Distribuito su quattro sale, il museo è diviso in due settori: didattico e topografico. Il nome di Gangi compare da sempre nella letteratura archeologica per essere stato connesso all'antica Engyon, la mitica città di fondazione cretese citata da Diodoro Siculo e famosa nell'antichità per il tempio e il culto delle Dee Madri.

Nonostante all'interno del centro urbano non sia stato mai segnalato alcun rinvenimento archeologico, esiste, tuttavia nel circondario, un ricco ed inesplorato patrimonio di testimonianze antiche che legittima l'inserimento di Gangi nelle carte archeologiche e merita senza dubbio l'interesse che, finalmente, negli ultimi anni gli è stato attribuito.

I rinvenimenti che vanno dall'epoca arcaica all'età paleocristiana vedono nei casi più importanti reperti che vengono datati tra il VII ed il VI sec. a.C. Gli altri due piani del palazzo presentano: al primo la Pinacoteca Gianbecchina, che dal 2001 ospita le opere donate dal grande Maestro siciliano, autore del "Ciclo del Pane", al Comune di Gangi; e al secondo il Museo delle armi, anche questo sorto in seguito ad una donazione da parte del maestro Giuseppe Franco al Comune di Gangi (2007).

Si consiglia di verificare gli orari di apertura sui siti web dei musei prima della visita.

Indirizzo

  • Palazzo Sgadari
  • 90024 Gangi - Palermo

Contatti

  • Telefono: +39 0921 689907
Venerdì, 18 Dicembre 2015

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.