itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Museo Archeologico e della Via Flaminia

L'allestimento ripercorre le tappe della presenza umana nel territorio di Cantiano, dalla comparsa dell'uomo sulla terra, alla fase protostorica, testimoniata da alcune fibule e bronzetti provenienti da raccolte di superficie e riconducibili a presenze di natura commerciale e di passaggio, legate all'esistenza di una frequentata pista precedente alla costruzione della consolare Flaminia. L'età romana vede una maggiore quantità di materiali, in larga parte connessi con il tracciato della via Flaminia. Di rilievo è il cippo miliario del 305 d.C. indicante la distanza di 140 miglia da Roma, rinvenuto in una casa colonica nei pressi di Cantiano, lungamente esposto nell'atrio del palazzo comunale.

I reperti in mostra, dal Paleolitico al Medioevo, provengono in larga misura dalla raccolta di Giulio Cesare Corsi, cantianese appassionato di archeologia; altri reperti come esagonette, ceramica da mensa rustica, vetri ecc. provengono dai siti individuati di ville rustiche. Una ricca sezione medievale ripercorre le tappe dal castrum di Luceolis al centro fortificato di Cantiano, alla cristianizzazione del territorio, dove erano, già prima del Mille, pievi e monasteri. Gran parte del materiale, ceramiche e frammenti di armi, proviene invece dalla rocca Gabrielli (Sant'Ubaldo), il castello della potente famiglia cantianese.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via IV Novembre, 1
  • 61044 Cantiano - PU

Contatti

  • Telefono: +39 0721 788493
Sabato, 15 Luglio 2017

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.