itzh-CNenfrdeiwjaptrues


Collezioni d'Arte Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra

La Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra custodisce la preziosa e cospicua Donazione Mino e Giovanni Rosi, pervenuta alla Fondazione nel 1997 in seguito alla scomparsa di Mino (1995), straordinaria figura volterrana di artista ed intellettuale. La donazione è legata anche al nome di Giovanni, figlio di Mino e della moglie Giuseppina Boni Rosi, tragicamente scomparso appena diciottenne. Il progetto di Rosi di legare le sue opere e la sua collezione di arte antica e contemporanea alla natia Volterra fu meditato a lungo e la Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra fu scelta come unica istituzione della città in grado di valorizzare e dare visibilità al lavoro ed alle ricerche di una vita.

Questa raccolta possiede alcuni tra i più bei disegni e le più famose incisioni di De Nittis, Fattori, Matisse, Morandi, Viani, Campigli, De Pisis, e Viviani, dipinti di Guttuso e Sassu, oltre alle numerose opere dello stesso Rosi. Questa sezione comprende un gruppo di circa 110 acqueforti di Luigi Bartolini di importanza straordinaria.

Interessante è anche la sezione dedicata all'arte antica suddivisa in disegni, incisioni, dipinti, sculture, medaglie ed oggetti. Tra i disegni, in gran parte inediti, merita ricordare un Nudo virile di Giovan Lorenzo Bernini, i Prigioni di Pietro Tacca, poi fogli di Gian Battista Tiepolo, Domenico Tintoretto, Luca Cambiaso e Pietro Perugino. Tra le incisioni vi sono alcune acqueforti della celebre Apocalisse di Albrecht Dürer mentre tra i dipinti si conserva un'intensa Flagellazione di Cristo di Palma il Giovane ed uno strepitoso Alessandro Magno ferito di Francesco Solimena.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via Persio Flacco, 4
  • 56048 Volterra - Pisa

Contatti

  • Telefono: +39 0588 80329
  • Fax: +39 0588 81437
Martedì, 01 Ottobre 2019

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.