itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Cappella degli Scrovegni

La Cappella degli Scrovegni, sita nel centro storico di Padova, ospita un celeberrimo ciclo di affreschi di Giotto dei primi del XIV secolo, considerato uno dei capolavori dell'arte occidentale.

Il Ciclo Pittorico

Il carattere di ex voto della cappella è chiarificato nel Giudizio universale dalla rappresentazione del committente, che offre alla Madonna, affiancata da san Giovanni e da santa Caterina d'Alessandria, un modello preciso dell'edificio, come lasciapassare per il Regno dei Cieli.

Giotto calcolò con grande precisione il punto di vista ideale al centro dell'oratorio e disegnò l'intelaiatura tra i pannelli in modo da sembrare un finto basamento in marmo e logge sovrapposte. Valutò la fonte di luce e la accordò con la luce nelle scene. Uno sfoggio di virtuosismo illusionistico è la presenza dei cosiddetti coretti, due finte stanze che si aprono all'altezza del primo registro accanto al coro vero, che lasciano intravedere delle volte a crociera in prospettiva.

Rispetto alle Storie di San Francesco, si assiste a un maggiore affinamento dei mezzi espressivi, ad una più forte padronanza della composizione per gli effetti narrativi, dei gesti, della cromia in generale. I preziosi pigmenti che da tutto il bacino del Mediterraneo arrivavano a Venezia furono sicuramente approvvigionati per il lavoro del maestro a Padova: rosa, gialli, arancioni e il costosissimo blu oltremare, che dà un tono intenso agli sfondi dei cieli.

Le figure hanno un volume ancora più reale che ad Assisi, avvolte da ampi mantelli attraverso cui si capisce la modellazione dei corpi sottostanti. Anche le architetture di sfondo, una delle caratteristiche più evidenti di Giotto, non presentano più incertezze e concessioni allo sfondo irreale. Sono chiare e reali, proporzionate con le figure che interagiscono con esse. Per esempio nella Presentazione della Vergine al tempio vi sono più forme combinate che creano un notevole gioco di vuoti e pieni, con zone aperte in piena luce e recessi coperti in una fitta ombra. Anche la Cacciata dei mercanti dal tempio presenta un'articolata costruzione tridimensionale (eloquente è il gesto minaccioso del Cristo infuriato che alza il pugno), oppure nella scena delle Nozze di Cana.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Piazza Eremitani, 8
  • 35100 Padova

Contatti

  • Telefono: +39 049 2010020
Lunedì, 07 Agosto 2017

Commenti (5)

  • meraviglioso Giotto

    meraviglioso Giotto

    13 Maggio 2017 at 15:15 | #

    Opera straordinaria

  • giacomo bini

    giacomo bini

    13 Aprile 2017 at 06:33 | #

    Molto bella, unica pecca la durata della visita, 15 minuti. Personale molto cortese. Aula multimediale all'avanguardia. Da vedere assolutamente.

  • Sara

    Sara

    29 Gennaio 2017 at 20:31 | #

    Scrigno prezioso, patrimonio mondiale.

  • Meraviglia

    Meraviglia

    21 Agosto 2016 at 15:13 | #

    Splendida emozione trovarsi immersi nella pittura sognante di Giotto che qui racconta la storia della cristianità con un uso del colore che commuove e stupisce.

  • bum79chia

    bum79chia

    22 Giugno 2016 at 20:52 | #

    Una perla...Magnifica!!! Io non volevo più uscire. Peccato per i pochi minuti a disposizione ma se è per tutelare questa meraviglia ci può stare! I 13 euro meglio spesi di tutto il weekend!!!

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.