itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Area Archeologica di Cupra Marittima

Il territorio di Cupra Marittima era frequentato già nel corso del Paleolitico Inferiore e Medio lungo i terrazzi fluviali del Menocchia e dell’Aso. La sua storia nel periodo piceno riveste particolare importanza in relazione al santuario dedicato alla dea Cupra; ricche necropoli databili a partire dal VI sec a. C. documentano una realtà insediativa articolata. Con la conquista del Piceno da parte dei romani nel 268 a. C. il territorio entra a far parte dell’ager publicus.

L’area del parco si estende a nord della città attuale; in essa si trovano evidenti tracce dell’impianto urbano della città romana di Cupra Maritima. Appena al di fuori della città sono visibili le strutture di una villa frequentata fino al IV sec. d.C. con un ninfeo con vasca centrale, pareti decorate da nicchioni e affrescate, ed esedra centrale anch’essa affrescata con scene marine. L’area del Foro è posta su un ampio pianoro in località “Civita” ove gli scavi hanno riportato alla luce i resti di un tempio a pianta rettangolare e due archi onorari. Riferibili a monumenti funerari a edicola sono le strutture in laterizio visibili nei pressi della porta urbica e i cosiddetti ruderi Tesei a Massignano.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • SS16 Adriatica Km 375
  • 63064 Cupra Marittima - Ascoli Piceno

Contatti

  • Telefono: +39 0735 77671 (Comune)
Lunedì, 18 Luglio 2016

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.