itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Museo Diocesano di Brescia

La Quadreria contiene un centinaio di opere. tra le più importanti: Alessandro Bonvicino detto il Moretto, Romanino, Andrea Celesti, Salloni, Savanni, Paglia e altri, oltre a una preziosa raccolta di ex voto settecenteschi. Tra le sculture ricordiamo un interessante crocifisso di Maffeo Olivieri.

La parte dedicata all'oreficeria segue sia il criterio scientifico – artistico che quello didattico: offre 121 oggetti costituiti per la maggior parte da argenterie, metalli e legni lavorati, che vanno dall'epoca medievale fino a tutto il XVIII secolo. La comunicazione avviene attraverso pannelli didattici che raccontano storia e funzione degli oggetti e segnalano quelli di maggior pregio artistico e storico; ogni singolo oggetto è poi corredato da brevi note riguardanti la fattura, l'epoca e la provenienza.

La sezione dei codici miniati è stata studiata per poter apprezzare i testi antichi e per conoscere la preparazione e la lavorazione attraverso un attento percorso didattico e pannelli esplicativo. La sezione ospita ventun codici che vanno dal 1100 alla metà del 1400, esposti in base ai più moderni criteri di protezione e conservazione.

Si consiglia di verificare gli orari di apertura sui siti web dei musei prima della visita.

Indirizzo

  • Via Gasparo da Salò, 13
  • 25122 Brescia

Contatti

  • Telefono: +39 030 40233
  • Fax: +39 030 3751064
Martedì, 07 Giugno 2016

Commenti (1)

  • Sabra

    Sabra

    20 Giugno 2016 at 14:21 | #

    Il museo raccoglie testimonianze artistiche di ogni secolo da tutta la diocesi di Brescia. Vasta, completa e interessantissima la sezione sui dipinti, corredata da numerose sculture di diversi autori. Spicca il polittico di sant'Orsola di Antonio Vivarini, metà XV sec. Da non perdere le sezioni successive, ossia quella dell'oreficeria sacra, delle icone e dei codici miniati, che conserva suggrstivi esemplari miniati dal XII-XIII sec in avanti. Vicino all'ingresso si trova anche la ricchissima sezione sui paramenti sacri. Il migliore museo di Brescia dopo Santa Giulia.

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.