itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Castello di Zoppola

Il castello fu edificato probabilmente agli inizi del secolo XI, a difesa della strada che dal guado sul Tagliamento portava in direzione di Portus Naonis (Pordenone), minacciata dalle disastrose scorrerie degli Ungari.

Il feudo apparteneva in origine ai duchi d'Austria, e fu assegnato ad una famiglia che ne assunse il predicato, passando, in séguito, ai signori di Valvasone e a quelli di Mels-Prodolone. Nel 1405, castello e giurisdizione vennero infeudati alla famiglia del patriarca d'Aquileia Antonio Panciera, alla quale ancora appartiene. Anticamente il castello era munito di un sistema difensivo costituito da una triplice cinta di mura con fossati, in parte ancora conservati, porte e torri. Di queste ultime sopravvive, anche se mozzata, la torre maestra, posta quasi al centro dell'attuale complesso castellano. Il cortile interno è impreziosito da affreschi di Pomponio Amalteo e, ricavato nello spessore di una parete esterna, esiste ancora un minuscolo studiolo rinascimentale con un'antica stufa in maiolica e un soffitto ligneo dorato e dipinto di grande bellezza.

Si consiglia di verificare la corrispondenza degli orari di apertura contattando direttamente la struttura.

Indirizzo

  • Via Antonio Romanò, 7
  • 33080 Zoppola - Pordenone

Contatti

  • Telefono: +39 0432 288588 (consorzio castelli)
Giovedì, 23 Agosto 2018

Scrivi una recensione

Non usare questo form per contattare la struttura.

Scopri nuovi Castelli e Rocche

Luoghi della Cultura