itzh-CNenfrdeiwjaptrues

Francesco Primaticcio

Francesco Primaticcio

Francesco Primaticcio, detto il Bologna (Bologna, 30 aprile 1504 – Parigi, 1570), è stato un pittore, architetto e decoratore italiano.

Allievo di Giulio Romano, del quale fu collaboratore nella decorazione del Palazzo Te a Mantova, tra il 1526 e il 1530 fu fortemente influenzato anche dalle opere giovanili del Parmigianino la cui morbida e raffinata eleganza sono particolarmente evidenziate nei suoi bellissimi disegni, i quali costituiscono l'unica documentazione dello stile dell'artista bolognese.

Dal 1532, ancora ventottenne, si recò al castello di Fontainebleau su invito del re Francesco I di Francia, dove collaborò col Rosso Fiorentino e, dopo la sua morte nel 1540, gli successe nella carica di "sovrintendente", e, con Antonio da Trento, nel 1533 già dirigeva l'équipe incaricata della decorazione delle camere del re e della regina nel castello di Fontainebleau, che divenne il luogo principale della sua attività per un lungo periodo. Con uno stuolo di collaboratori, decorò l'intero castello con affreschi, statue e stucchi, tra cui spiccano il camino decorato (c. 1535), la Porta Dorata, il padiglione di Pomona, la "Salle de Bal", la galleria di Ulisse, la galleria di Enrico II e la cappella dei Guisa. Purtroppo gran parte della sua opera venne distrutta o irrimediabilmente rovinata e sfigurata da restauri e interventi vari.

Nel 1540 si recò a Roma su incarico del re per ricavare calchi dalla collezione di statue del Cortile del Belvedere. Tornò in Francia accompagnato dal Vignola.

Lavorò per quattro sovrani: Francesco I (che lo prodigò di prebende), Enrico II, Francesco II e Carlo IX. La circolazione dei suoi modelli tramite le incisioni a stampa (con quella che fu definita la prima "Ecole de Fontainebleau") fu basilare per la diffusione in Francia del gusto manieristico italiano, che aprì un capitolo nuovo nell'arte francese ed europea e continuò ancora nel XVIII secolo.

Opere di Francesco Primaticcio in Italia